Falconara: pronti gli interventi per contrastare l'inquinamento da polveri sottili

goffredo brandoni 30/04/2010 - In riferimento a questa problematica molto sentita in città ho sempre sostenuto che prendere decisioni isolate per contrastare l’inquinamento da polveri sottili (PM10) non porta a soluzioni soddisfacenti e definitive e che era necessaria una concertazione con tutti i Sindaci dei Comuni interessati e con la Provincia – spiega il sindaco Goffredo Brandoni.

Visto che nei primi mesi dell’anno eravamo già al di sopra del livello di guardia rispetto al passato e che quindi era logico pensare ad un numero di sforamenti superiore a quelli consentiti dalla legge, mi sono fatto carico di chiedere a Sua Eccellenza il Prefetto di Ancona di convocare un tavolo a cui partecipassero tutti i Comuni interessati dalla problematica e l’ente sovracomunale di competenza, la Provincia. La scorsa settimana abbiamo approvato una delibera di giunta che elenca tutti gli interventi che intendiamo adottare per contrastare questo fenomeno. Quindi ritengo prive di fondamento le accuse rivoltemi sul mega-manifesto, sui manifesti esposti in maniera selvaggia e attraverso un volantino inserito nelle cassette postali. Sicuramente si vuol far passare un messaggio non veritiero con un attacco solo ed esclusivamente politico. Infatti a dimostrazione che la giunta comunale non sta con le mani in mano nella seduta del 13 aprile abbiamo predisposto la delibera n.113 che mette nero su bianco tutte le azioni che il Comune di Falconara Marittima intende porre in atto per contrastare l’inquinamento da polveri sottili. Tali interventi sono distinte in tre categorie: a) Interventi che il Comune può porre in atto in maniera autonoma nel breve e lungo periodo; b) Interventi che il Comune è disponibile ad attuare solo se in maniera congiunta e coordinata con gli altri Comuni; c) Interventi che il Comune può porre in atto solo con contributi finanziari”.

Si trasmette in allegato il testo integrale della delibera di giunta n° 113 del 13 aprile 2010



...

delibera ...






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-04-2010 alle 15:42 sul giornale del 03 maggio 2010 - 677 letture

In questo articolo si parla di attualità, falconara, polveri sottili, inquinamento, falconara marittima, giunta, Comune di Falconara Marittima


Carlo Brunelli

Gentile Sig. Sindaco.<br />
Alla fine vedo che è riuscito a rompere il suo ormai imbarazzante silenzio sulla questione delle polveri sottili.<br />
Mi permetta infatti di considerare "silenzio" anche le mosse istituzionali (convocazioni di incontri, lettere al prefetto,...) volte soltanto a "prendere tempo" di fronte ad una situazione che Lei si ostina a non considerare come una vera e propria emergenza.<br />
C'è stato bisogno di una campagna di informazione alternativa, messa in campo a loro spese dai cittadini. C'è stato bisogno dei manifesti che urlassero ai Falconaresi la verità, affinchè Lei rompesse il silenzio (e nel modo meno visibile possibile).<br />
Ma nonostante tutto Lei continua a considerare la questione come normale prassi amministrativa, cui dedicare una delibera di giunta per programmare azioni da intraprendere a partire dal prossimo ottobre. Quasi confidando che la gente, passata l'estate, a ottobre non si ricorderà più delle polveri respirate in eccesso nei primi mesi dell'anno.<br />
Di fronte ad una emergenza sanitaria, l'atteggiamento che un Sindaco deve tenere è ben diverso. Innanzi tutto si "sta dalla parte dei cittadini", informandoli e analizzando realisticamente la situazione in essere.<br />
E la situazione, caro Brandoni, ci parla di 7 tonnellate di sostanze emesse dalla raffineria Api OGNI GIORNO. Ci parla di traffico veicolare e di traffico aeroportuale. Se Lei soltanto prendesse in riferimento la realtà per un solo istante capirebbe quanto sia ridicolo programmare il divieto di utilizzo del BTZ negli impianti di riscaldamento domestico senza citare il fatto che quello stesso materiale è bruciato ogni giorno in quantità industriali dalla centrale a turbogas dell'API. Ridicolo e offensivo verso la salute dei cittadini!<br />
Ma lei non prende sul serio la realtà. Lei non sta dalla parte dei cittadini. Lei vive in un mondo tutto suo, dove è convinto davvero di essere un buon Sindaco e di avere il consenso della maggioranza dei cittadini falconaresi. Si svegli Brandoni. La realtà è molto, molto diversa. Se davvero ha a cuore Falconara ha soltanto una cosa da fare: si dimetta.




logoEV