Presentazione del libro-inchiesta sul porto di Ancona a cura dell'Osservatorio Faro

porto di ancona 1' di lettura Ancona 11/05/2010 - Venerdì 14 maggio presentazione del libro/inchiesta sul porto di Ancona a cura dell'Osservatorio Faro sul Porto alle ore 17.00 presso la Facoltà di Economia e Commercio - Università Politecnica delle Marche.

Siamo lieti di invitarvi alla presentazione del libro "Il porto sequestrato" realizzato dall'osservatorio Faro sul Porto a un anno dall'inizio dell' inchiesta sullo stato di salute del porto di ancona dopo la sua totale messa in sicurezza e sulla sua funzione di frontiera che ormai quotidianamente respinge coloro che fuggono da altri paesi nella speranza di ottenere, in Italia, una protezione umanitaria.

L'incontro pubblico, di venerdì 14 maggio, non vuole essere solo l'occasione per consegnare 83 pagine di storie, dati, riflessioni ma proporre, partendo dal libro, un progetto politico comune che denunci le violente trasformazioni del porto di Ancona, che ne hanno radicalmente cambiato il volto, e la condizione delle persone, aldiquà e aldilà delle reti. a cui viene negato il diritto di attraversarlo. Molta attenzione è stata data sull'argomento dalla stampa nazionale che in più occasioni si è rivolta a noi per raccogliere informazioni e dati utili per sollevare una presa di coscienza pubblica su ciò che avviene non solo in Ancona ma anche negli altri porti dell'Adriatico.

Per questo faremo parte della campagna internazionale, i cui protagonisti saranno gruppi e associazioni italiane e greche che si uniranno per mettere in campo tutti gli strumenti necessari per contrastare i dispositivi di controllo sulle frontiere europee che ingiustamente ed arbitrariamente colpiscono chi ha diritto a fuggire e perciò, di fatto, negano il riconoscimento del diritto d'asilo.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-05-2010 alle 18:53 sul giornale del 12 maggio 2010 - 932 letture

In questo articolo si parla di porto, attualità, jesi, ancona, marche, associazione, ya basta!, Ya Basta! Marche