Duca: la debolezza del PD e la crescita del partito dei 'riciclati'

Eugenio Duca 2' di lettura Ancona 15/05/2010 - "Pur apprezzando la decisione del PD “di lavorare per costruire una nuova coalizione di centrosinistra in alternativa all’attuale Governo e che ciò possa essere utile al rilancio dell’azione amministrativa locale”, ritengo – dichiara l’On. Eugenio Duca capogruppo di Sinistra per Ancona – che il PD non abbia avuto il coraggio di prendere atto della situazione anconetana dove il “principale alleato (sic!) sta logorando il Sindaco, i singoli Assessori, il PD, la maggioranza e la città".

Eppure basterebbe la semplice constatazione della composizione del gruppo consiliare dei Favisti: Brandoni ex PdCI, Filippini x PdCI, Micheli ex PD, Moroder ex PD capolista alle comunali del 2009, Pirani ex PD, Tagliacozzo ex Verdi e il neo acquisto Galeazzi ex PD (che andrebbe nel gruppo “fritto misto” ma assicurando il voto all’odiato Di Pietro e agli odiati ex Comunisti Brandoni e Filippini), per capire che è in atto in Ancona la costituzione del Partito Riciclone.

Il Comune di Potenza Picena ha il primato nella raccolta differenziata dei rifiuti (oltre il 70%), il gruppo Favista di Ancona (del Favia originale e non del sosia incompatibile allo Stabile) ha il 100% di riciclati alcuni dei quali premiati con incarichi di rilievo, con la complicità del PD anconetano e regionale.

Davvero un bel “Laboratorio politico” sulla transumanza. Da indicare ad esempio delle giovani generazioni. Il PD anconetano, a mio avviso, ha mancato l’opportunità di spezzare il laccio vizioso che sta imbrigliando la città da troppo tempo e non vorrei che tale debolezza porti ad un ulteriore gonfiamento del Partito Riciclone dei Favisti. Deve essere chiaro agli anconetani che la responsabilità politica non è solo del sosia di Favia, ma anche delle debolezze della maggioranza e del principale Partito: il PD.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-05-2010 alle 16:55 sul giornale del 17 maggio 2010 - 720 letture

In questo articolo si parla di politica, ancona, pd, Eugenio Duca