Numana: Rally dell'Adriatico, vince Rossetti

3' di lettura 23/05/2010 - Si è concluso in serata a Numana il 17° Rally Adriatico organizzato dalla PRS Group in collaborazione con l’Automobile Club di Ancona, il comune di Numana, che ha ospitato la direzione gara e la partenza e l’arrivo, e quello di Cingoli, fulcro del tracciato di gara.

La gara, valida quale seconda gara del Campionato Italiano Rally e terza del Trofeo Rally Terra, ha visto il successo di Luca Rossetti e Matteo Chiarcossi su Abarth Grande Punto che hanno preceduto di 13”8 la coppia formata da Umberto Scandola e Cristiana Biondi sulla nuova Ford Fiesta S2000. Terzo gradino del podio per l’altro equipaggio Abarth formato da Giandomenico Basso e Mitia Dotta.

La gara ha vissuto momento intensi ed interessanti fin dalla giornata di ieri quando i protagonisti della serie tricolore hanno preferito giocare d’astuzia e non forzare così da non dover “pulire” la strada questa mattina. Scandola invece, al via per una gara spot senza programmi di campionato, ha preferito invece dare il massimo e, aggiudicandosi le p.s. 1 e 2 di ieri, ha chiuso al comando la prima frazione di gara; ma è bastato un solo tratto cronometrato a Paolo Andreucci e Anna Andreussi su Peugeot 207 S2000 per ribadire le intenzioni di scrivere anche quest’anno inl proprio nome nell’albo d’oro della gara marchigiana. Il toscano si è aggiudicato tre prove speciali di fila arrivando ad accumulare un distacco di 13”9 su Rossetti, poi ha badato a controllare gli avversari fino a quando sulla speciale numero 8, quella più luinga del rally, una foratura l’ha costretto alla sostituzione del pneumatico in prova e gli è costato oltre due minuti di ritardo. A quel punto è Rossetti a passare al comando con Scandola che prova a contrastarlo segnando ancora tre scratch, prima di decidere di mantenere la posizione.

Incerto fino all’ultimo invece il terzo posto conteso tra Basso e il finlandese Teemu Arminen che comunque è quarto assoluto ma soprattutto leader provvisorio del Trofeo Rally Terra. Gara senza loda ma comunque importante in ottica di campionato quella di Renato Travaglia e Lorenzo Granai con la Peugeot 207 S2000 che hanno preceduto un convincente Paolo Pesaven- to coadiuvato dal giovane Giacomo Ciucci, vincitore del Trofeo Loris Roggia, riservato appunto al navigatore Under 25 meglio classificato. Chiudono nei top ten, “Dedo” e Massimo Daddoveri su Peugeot 207 S2000, che precedono lo sfortunato equipaggio Andreucci-Andreussi e la coppia Alessandro Bruschetta ed Edoardo Civiero su Subaru Impreza N14. La terra dell’Adriatico ha riportato in alto le vetture di Produzione che si sono affacciate spesso nelle parti alte delle classifiche parziali. Per quanto riguarda la sere tricolore loro dedicata, Marco Angrisani ha conquistato il punteggio maggiore, davanti a Danilo Tomassini e Andrea Perego invertendo in questo caso quanto espresso dalla prima gara del campionato. Per quanto riguarda i giovani rivincita di Simone Campedelli su Stefano Albertini , qui solamente terzo nella classifica valida per il Campionato Italiano Rallies Junior preceduto anche dal bravissimo Andrea Crugnola, tutti naturalmente su Renault New Clio R3C, con le quali hanno lottato aspramente per i preziosi punti della prestigiosa serie che ACI-CSAI ha riservato ai giovani.

Classifica finale 17° Rally dell’Adriatico - 1. Rossetti – Chiarcossi (Abarth Grande Punto) ; 2. Scandola –Biondi (Ford Fiesta Super 2000) a 13”8 ; 3. Giandomenico Basso – Mitia Dotta (Abarth Grande Punto) a 1’07”3; 4. Arminen –Nikkola (Subaru Impreza) a 1’14”1 ; 5. Travaglia – Granai (Peugeot 207 S2000) a 1’30”7 ; 6. Trentin – Zanella (Peugeot 207 Super 2000) a 1’40”1; 7. Pesavento – Ciucci ( Peugeot 207 Super 2000) a1’48”5 ; 8. Dedo – Daddoveri ( Peugeot 207 Super 2000) a 1’53”4; 9.Andreucci – Andreussi (Peugeot 207 Super2000) a 2’15”1; 10. Bruschetta – Civiero (Subaru Impreza) a 2’39”2





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-05-2010 alle 16:09 sul giornale del 24 maggio 2010 - 1018 letture

In questo articolo si parla di sport, associazione, Rally dell'Adriatico