Premio Rai 'La Giara', il bando é la risposta alle polemiche

Gianni Di Giuseppe Direttore Rai Marche Ancona 28/03/2012 - Dopo le polemiche sorte sul Web in merito ai dieci romanzi scartati su 40 totali pervenuti nella Regione Marche la sede regionale Rai di Ancona fa notare che tutto si é svolto con regolarità. La risposta é nel bando.

La polemica, o anche dubbi, sorti sia in merito all'articolo presente su VivereAncona.it, dove si annunciavano i Candidati marchigiani, e sulla pagina del Premio Rai "La Giara" su facebook hanno una unica risposta: l'articolo 12 dell'omonimo bando.

Nessuna irregolarità in merito ai romanzi scartati per pubblicazioni "non ufficiali": che si tratti di autopubblicazione o visibilità su vari siti on line, quali Lulù.com. Il bando, infatti, scioglie ogni dubbio e all'articolo 12 recita così: "Con l’invio dell’opera, ciascun partecipante concede a Rai, fino alla data della proclamazione del vincitore, il diritto di opzione per l’acquisto in esclusiva dei diritti di sfruttamento dell’opera in ogni sede, forma, modo, impegnandosi altresì a non pubblicare né sottoporre o far comunque conoscere il testo dell’opera ad altri soggetti terzi nel termine sopra indicato."

I romanzi scartati anche se non pubblicati da una casa editrice erano comunque visibili o stati visibili a terzi. Risolto così il caso sul premio Rai "La Giara". Una nota di merito va anche alla sede Rai marchigiana e alla giuria locale del Premio che ha reso noti i risultati per primi in Italia a livello regionale. I candidati marchigiani, quindi, sono e rimangono tali, giallo risolto anche ad Ancona.

Ecco, per ulteriori chiarimenti, tutto il bando digitale del Premio Rai "La Giara".






Questo è un articolo pubblicato il 28-03-2012 alle 12:21 sul giornale del 29 marzo 2012 - 3603 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, rai, premio, laura rotoloni, la giara, gianni di giuseppe, direttore rai marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/w4C


Grazie mille per le risposte!

Vorrei precisare, da giurista, che nel bando è specificato altresì il periodo in cui i testi non dovevano essere posti a conoscenza dei terzi, e cioè, testuali parole, "nel termine sopra indicato" (il periodo del concorso).

Ciò vuol dire che i romanzi esclusi non erano stati ritirati dai siti online o dalle altre forme di autopubblicazione dopo l'inizio del concorso.

Invece, se fossero stati portati a conoscenza dei terzi fuori dal periodo indicato, non potrebbero essere stati esclusi, in quanto il regolamento nulla dice in merito ai periodi precedenti.




logoEV