Barriere architettoniche, interrogazione di Cardogna nasce grazie all'Associazione Luca Coscioni

associazione Luca Coscioni Ancona Ancona 19/05/2012 - TUTELA SOCIALE E BARRIERE ARCHITETTONICHE. Abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici di competenza della Regione Marche, delle Province e dei Comuni: il Verde Cardogna interroga la Giunta regionale.

Lo Stato italiano nel corso di questi ultimi decenni ha emanato una serie di norme legislative per tutelare i diritti dei disabili e in particolare per l’abbattimento delle barriere architettoniche, come la legge 41 del 1986, recepita dalla Regione Marche, secondo la quale le amministrazioni locali dovevano adottare i piani di eliminazione delle barriere architettoniche entro il 28 febbraio 1987.

La legge prescrive anche, che per gli interventi di competenza dei Comuni e delle Provincie, trascorso il termine previsto, le Regioni nominano un commissario per l'adozione dei piani di eliminazione delle barriere architettoniche presso ciascuna amministrazione. Per questi motivi il Consigliere regionale dei Verdi ha presentato una interrogazione in Consiglio regionale per conoscere se la Regione Marche, per quanto riguarda gli edifici di propria competenza, ha adottato il piano di eliminazione delle barriere architettoniche (PEBA), quali Amministrazioni non hanno adottato questo Piano, la motivazione di un eventuale mancato adempimento e se in questo caso la Regione Marche ha provveduto alla nomina dei commissari.

L'interrogazione di Cardogna nasce anche a seguito dell’iniziativa della Cellula di Ancona dell’Associazione Luca Coscioni, che attraverso un comunicato stampa pubblicato dai quotidiani locali e dai notiziari telematici, ha posto l’attenzione sui PEBA . “Insieme alla Cellula di Ancona dell'associazione Luca Coscioni, - afferma Cardogna - ci facciamo portavoce dei diritti dei disabili e delle loro legittime richieste. È importante – conclude il capogruppo dei Verdi – rispettare ed applicare le legge statale vigente da più di venticinque anni.”


Questa problematica non può passare in secondo piano, mai. Per quanto sempre minori siano le risorse di cui la Regione dispone, occorre dare a tutti i cittadini eguali opportunità di movimento e di vita.

ADRIANO CARDOGNA Presidente Gruppo dei Verdi in Consiglio regionale





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-05-2012 alle 03:04 sul giornale del 19 maggio 2012 - 673 letture

In questo articolo si parla di verdi, politica, adriano cardogna

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/zgE





logoEV