Scoperto centro benessere a 'luci rosse' ad Ancona, oltre al massaggio anche l'extra...

Sigilli al Centro Benessere LI HONG Ancona 16/02/2013 - Oltre al massaggio c'era anche l'extra: era questa l'attività principale, ma soprattutto più fruttosa di un centro benessere della Baraccola. I Clienti andavano dai 20 ai 70 anni tra professionisti, operai e non solo. Sotto il centro si celava un giro di prostituzione cinese da quando aveva aperto a settembre: smascherato dai Carabinieri.

Erano tutte ragazze cinesi quelle che lavoravano nel falso centro benessere: un sito, il loro, che faceva pensare oltre ad un trattamento relax con belle foto in intimo di giovani cinesi. Ed infatti, da il valore di un semplice massaggio da 30 euro poteva salire, e con molta probabilità in nero, a circa 100 euro. Un'attività promossa con il porta a porta dei volantini, ma anche tramite il sito on line ed annunci web, dove apparivano le ragazze in intimo ed in pose accattivanti.

Sequestrato il centro e posti sigilli al Centro Benessere di via Bruno Buozzi alla Baraccola di Ancona non lontano dal sexy shop. Trovati anche i proventi illeciti della attività circa 7 mila euro. Sul posto il blitz dei Carabinieri proprio venerdì, dove i militari hanno 'pizzicato' clienti, tre 'massaggiatrici' e la titolare. Ora finita in manette: la giovane cinese Li Hong, classe 1979.

Ora per lei si prospetta il carcere per sfruttamento della prostituzione anche se i reati a suo carico potrebbero non finire qui. Dal momento che si parlerebbe anche di reati fiscali.  

Ad incastrarla, nell'indagine condotta dalla Compagnia di Brecce Bianche, non i preservativi, che sarebbero stati la prova per eccellenza di una attività illecita, ma le foto. Nel sito, che a breve sarà oscurato, le foto erano tutt'altro che da centro benessere. Nel centro, però, non si consumavano rapporti completi, ma il trattamento era comunque 'hot'. E se il cliente acconsentiva il conto passava ad esempio dai 30 euro del massaggio a circa 100 a seconda del trattamento. Diversi i massaggi proposti da ragazze, come riportano alcuni annunci sul web, "carine, sexy, simpatiche,...un paradiso": si andava da quello "rilassante" a quello "romantico", dal "thailandese" al "terapeutico", quello "in vasca", né mancava quello "corpo su corpo".







Questo è un articolo pubblicato il 16-02-2013 alle 12:40 sul giornale del 18 febbraio 2013 - 14954 letture

In questo articolo si parla di cronaca, prostituzione, carabinieri, ancona, arresto, laura rotoloni, russo, centro benessere, sigilli, maggiore, li hong

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/JAp