A2O aderisce alla manifestazione 'A pranzo con Letta'

1' di lettura Ancona 14/10/2013 - Domani, Martedì 15 Ottobre, il premier Enrico Letta con la squadra di governo Angelino Alfano, Anna Maria Cancellieri, Emma Bonino, Mario Mauro, Flavio Zanonato, Maurizio Lupi, Maria Chiara Carrozza saranno ad Ancona per il vertice intergovernativo Italo-Serbo.

C'è chi si dice onorato. Noi saremmo stati onorati di ricevere un governo eletto dai cittadini che quantomeno si fosse adoperato nella giusta direzione per gli interessi del Paese. In questo clima invece sentiamo per così dire la necessità di esercitare appieno i nostri diritti di parola. Quindi, rebus sic stantibus, A2O non può che aderire alla manifestazione "A Pranzo con Letta" (ore 12.30 parcheggio degli Archi) dimostrando -in modo pacifico- preoccupazione e disapprovazione per le politiche inefficaci (ove non subdole o scellerate) che continuano ad attuarsi. Noi giovani in primis ne subiamo le conseguenze, sempre più drammaticamente tangibili.

Proprio il rispetto delle istituzioni che ha sempre contraddistinto il nostro gruppo ci porta ad invitare gli stessi esponenti di governo a rispettare coloro che rappresentano, nonchè il ruolo che ricoprono esercitandolo in adeguata maniera. Abbiamo il dovere di ricordare loro i nostri diritti. Abbiamo il dovere di pretendere che ci sia data una speranza. Se tra una politica di austerity e una larga intesa non hanno trovato il modo di metterlo in agenda tra le priorità, domani andremo civilmente a ricordarglielo. "Volere è potere, potere è dovere".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-10-2013 alle 20:22 sul giornale del 15 ottobre 2013 - 2077 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/S6G


Bravi. Purché non usiate la violenza e state attenti a non subirne da parte della polizia e dalle altre forze del cosiddetto ordine.
Le manifestazioni e la critica non devono generare quindi state attenti agli infiltrati. Avete ventanni ed è un attimo sputannarsi una vita per colpa di qualche infiltrato secondo i metodi kossighiani.