Uscita Ovest non lontana dalla grande frana di Ancona. Il M5S avvisa Anas e Ministero

Andrea Quattrini 2' di lettura Ancona 18/10/2013 - Martedi scorso i sottoscritti hanno inviato una lettera all'ANAS, al Ministero delle Infrastrutture e all'ATI delle imprese che firmeranno la Convenzione per l'Uscita Ovest, rendendo noto che esistono due nuove aree messe sotto osservazione che potrebbero essere inserite nell'area della grande frana di Ancona e allargarne il perimetro.

Visto che il percorso dell'Uscita Ovest si svolge nei pressi dell'area della grande frana di Ancona, i sottoscritti hanno voluto mettere sull'avviso Anas, Ministero e ATI delle novità intercorse. Seguirà un'interpellanza parlamentare sull'argomento.

La Lettera del M5S.

Al Sig. Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti On. Maurizio Lupi Al Sig. Amm.re Unico dell’ANAS Dott. Pietro Ciucci All’A.T.I. Impregilo Spa, Società Astaldi Spa, Itinera Spa, Pizzarotti e Co. Spa Loro Sedi

Ancona, 15/10/2013

Oggetto: Progetto Uscita Ovest e nuove prescrizioni sull'area della "grande frana di Ancona" Onorevole Ministro e Illustrissimi Signori, durante la riunione della III Commissione consiliare del Consiglio comunale di Ancona riunitasi il 4.10.2013 è emerso che la Regione Marche, nell'ambito delle proprie competenze, ha individuato alcune zone nell'ambito del perimetro della "grande frana di Ancona" ove sono emerse criticità dal punto di vista geomorfologico, aree da sottoporre a particolare attenzione e sulle quali dovranno esse effettuati approfondimenti.

Considerato che l'area combacia con il tracciato del "collegamento viario del Porto di Ancona con la grande viabilità (A14 e S.S.16)", riteniamo doveroso, come pubblici amministratori, segnalare tale novità dal momento che, ne' il Comune di Ancona, ne' la Regione Marche, hanno informato le Signorie loro delle predette problematiche, emerse solo nel corso del corrente anno, che potrebbero avere un impatto sulla progettazione definitiva della predetta opera infrastrutturale, che allo stato attuale prevede costi attorno ai 500 milioni di euro. In attesa di cortese riscontro, si inviano distinti saluti.

Donatella Agostinelli - Deputato M5S Andrea Quattrini - Capogruppo consiliare M5S Ancona


da Andrea Quattrini
Movimento 5 Stelle





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-10-2013 alle 16:44 sul giornale del 19 ottobre 2013 - 2253 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, andrea quattrini, M5S

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ThH


Fa bene il M5S ad informare che quella zona è stata oggetto della frana di trentanni fa ma se si facessero delle scelte più oculate basterebbe vedere l'analisi dei costi e benefici odierna e quella di medio lungo termine.
Nel caso si ridurrebbero pure le ristrutturazioni del porto di ancona.
Altra opera inutile e costosa per vedere le responsabilità basta guardare chi ci guadagnerà.