Rifiuti, Giovanni Zinni (Prima l'Italia): 'Se mancano gli impianti è colpa del PD'

Giovanni Zinni Ancona 20/01/2014 - "Se mancano gli impianti di trattamento dei rifiuti - dice il Consigliere Regionale Giovanni Zinni - nella Provincia di Ancona la colpa è tutta e solo del PD. Le lotte intestine al Partito Democratico sono state "camuffate" come istituzionali ma sono palesi: i Comuni, divisi e spacchettati in due ambiti diversi con consorzi diversi, hanno di fatto subìto e non creato il problema".

"L'errore, a monte, è stato quello di non lavorare sin da subito su un unico ambito con progetti di impianti più sostenibili a livello di costi. Il risultato - continua Zinni - è stata la moltiplicazione dei progetti e, purtroppo, dei carrozzoni inutili. Ma, soprattutto, la non realizzazione di nuovi impianti di trattamento e compostaggio dei rifiuti, che sono strumenti imprenscindibili per raggiungere gli obiettivi europei di raccolta differenziata. Il rischio ora è l'aumento della Tares in varie città, fra le quali Ancona. Insomma, a fronte di una buona capacità del cittadino delle Marche di fare raccolta differenziata, il PD ha risposto nella nostra provincia con burocrazia e lentezza. Un vero fallimento politico. Ma tutti nel PD fanno finta di niente. Scandaloso!"






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-01-2014 alle 16:07 sul giornale del 21 gennaio 2014 - 898 letture

In questo articolo si parla di attualità, rifiuti, provincia di ancona, ancona, pd, giovanni zinni, prima l'italia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/XjM





logoEV