Ancona, giornata della memoria: produzione musicale in ricordo della Shoah. Incontri anche nelle scuole

3' di lettura Ancona 23/01/2014 - Una produzione musicale per ricordare uno degli anniversari più dolorosi della storia: la Giornata della Memoria, celebrata il 27 gennaio di ogni anno, in commemorazione delle vittime del nazismo, dell'Olocausto e in onore di coloro che a rischio della propria vita hanno protetto i perseguitati.

Ad Ancona l'associazione Amici della Musica “Guido Michelli”, in collaborazione con il Comune di Ancona (assessorati alla Cultura e alla Pubblica Istruzione), Comunità Ebraica di Ancona, Teatro Stabile delle Marche, Camera di Commercio di Ancona, Media Partner Rai Radio 3, ha organizzato due appuntamenti che si svolgeranno il giorno prima dell’anniversario, domenica 26 gennaio. “L’ultimo treno” è il titolo di un saggio sulle deportazioni italiane, scritto dal giovane studioso torinese Carlo Greppi: un “Incontro a tre voci” si svolgerà alle ore 11, alla Loggia dei Mercanti, tra Greppi, rav Giuseppe Laras, rabbino capo della Comunità ebraica di Ancona e Gilberto Salmoni, sopravvissuto del campo di concentramento di Buchenwald. "E’ molto importante la testimonianza di Salmoni - ha detto l’assessore alla cultura Paolo Marasca - perché siamo in una fase in cui i testimoni storici sono sempre di meno. E’ fondamentale che la memoria sia tenuta viva attraverso il rapporto con il testimone, con colui che ha vissuto la shoah”.

Nella stessa giornata la produzione culturale “Il Vento dopo l’ultimo treno”, per voce recitante ed ensemble, che verrà rappresentata in prima assoluta, alle ore 17,30, al Teatro Sperimentale. Fuori abbonamento dalla stagione concertistica, il lavoro è tratto dalle pagine dal romanzo “Badenheim 1939” di Aharon Appelfeld. Il libro è un microcosmo di cui Appelfeld si serve per descrivere la morsa distruttiva dentro cui gli ebrei furono progressivamente ed inesorabilmente stretti, l’ implacabile processo di annientamento messo in opera dai nazisti: dei tranquilli villeggianti ebrei, ignari, poco alla volta, entreranno nel criminoso meccanismo nazista che trasformerà la loro cittadina di svaghi, prima, in una sorta d’inavvertita prigione, e poi, nella stazione di partenza per l’ultimo treno. “Da questa giornata della memoria - ha sottolineato Marasca - nasce una produzione artistica specifica: non è un semplice concerto, ma è una produzione musicale e ciò significa che continua a fiorire qualcosa dal ricordo di allora. Il lavoro ha un altissimo livello sociale e civile, ma anche artistico. E’ fondamentale l’elaborazione di questo lutto attraverso le forme artistiche per riuscire a tenere alta la memoria”. La voce che leggerà la riduzione del libro - realizzata da Guido Barbieri e Annalisa Pavoni - è quella di Carlo Cecchi. La musica del compositore romano Mauro Cardi, su commissione degli Amici della Musica, sarà eseguita dal Freon Ensemble - Laura Polimeno (voce), Caterina Bono (violino), Francesco Gesualdi (fisarmonica), Indiana Raffaelli (contrabbasso), Rodolfo Rossi (percussioni) -, diretto da Stefano Cardi che è anche chitarra elettrica solista.

Un altro modo essenziale per ricordare gli eventi della shoah è la trasmissione ai più giovani. Gilberto Salmoni il 27 gennaio incontrerà gli studenti dei licei “Rinaldini”, classico, musicale, pedagogico, e artistico, in un incontro presentato dal prof. Ugo Ascoli. “E’ bello che i ragazzi abbiano la possibilità di ascoltare una testimonianza diretta. La giornata della memoria - ha affermato l'assessore alla pubblica istruzione Tiziana Borini - rende collettivo e condiviso il ricordo personale di chi ha vissuto queste esperienze di dolore”. Sempre il 27 mattina, ci sarà un recital di musica, poesie e testimonianze nell’Istituto Vanvitelli-Stracca-Angelini. Musiche dell’Orchestra “MusicaInsieme” e del coro “Tuttincoro” dell’Istituto “Novelli Natalucci”; testimonianza di Frida Russi Di Segni, esponente della comunità ebraica di Ancona. Nella giornata del 26, la Sinagoga di Ancona sarà aperta alla cittadinanza dalle ore 10 alle 13. Sempre il 27, il Giorno della Memoria, in diretta da Firenze, Rai Radio 3 trasmetterà la produzione anconetana de “Il Vento dopo l’ultimo treno”, con Carlo Cecchi, il Freon Ensemble e Stefano Cardi.


di Micol Sara Misiti
redazione@vivereancona.it







Questo è un articolo pubblicato il 23-01-2014 alle 17:45 sul giornale del 24 gennaio 2014 - 2585 letture

In questo articolo si parla di cultura, shoah, redazione, ancona, giornata della memoria, scuole, vivereancona, vivereancona.it, redazione@vivereancona.it, Micol Sara Misiti, produzione musicale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Xtc