Ancona: bando per nuovo dirigente delle politiche sociali

Ancona 29/01/2014 - E’ indetta una procedura di mobilità volontaria esterna (per coloro che occupano un posto analogo in altre amministrazioni) per la copertura del posto di Dirigente Direzione Politiche Sociali, Politiche Giovanili full time a tempo indeterminato.

La domanda dovrà essere indirizzata all’Amministrazione Comunale di Ancona Largo XXIV Maggio n. 1 – 60123 Ancona – a cui dovrà pervenire entro il giorno venerdì 14/02/2014, pena l’esclusione dalla selezione. Per ulteriori informazioni, delucidazioni, copia dell’Avviso e del modulo di domanda gli interessati potranno rivolgersi al Settore Organizzazione e Personale nei seguenti orari: - dalle ore 9.00 alle ore 13.00 – lunedì, mercoledì e venerdì; - dalle ore 15.00 alle ore 17.00 – martedì e giovedì. Tel 071/222.2382 – 2339 – 2384

L’avviso ed il modulo della domanda sono disponibili anche presso l’U.R.P. (Ufficio Relazioni con il Pubblico) della sede centrale dell’Ente o consultabili nel sito www.comune.ancona.it “Amministrazione trasparente – Bandi di concorso” sezione “Avvisi di mobilità esterna” alla voce relativa alla selezione.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-01-2014 alle 14:43 sul giornale del 30 gennaio 2014 - 1834 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, comune di ancona, politiche sociali, bando, dirigente

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/XIt


Andrea Raschia

30 gennaio, 19:00
Che dire? Abbiamo certamente fatto molto bene a sollecitare con forza l’avvio delle procedure per la copertura del posto.
Finalmente un passo avanti, una prima risposta.
Non si poteva attendere oltre. La FP CGIL del Comune aveva segnalato in modo inequivocabile che: “Tra i pesantissimi problemi che quotidianamente vivono i settori dell’attività comunale, per primi i Servizi Sociali soffrono della mancanza di una dirigenza dedicata e competente che l’attuale dirigente, pur con tutta la generosità e l’impegno profuso, non può obiettivamente garantire.”

La situazione è sotto gli occhi di tutti, non serve richiamare la drammaticità del momento. Ripetiamo: servono progetti, strategie d’intervento e personale, possibilmente non lasciato in splendida solitudine ad affrontare gravi emergenze. Come accade non di rado, in particolare, alle nostre assistenti sociali, esposte a seri e continui rischi e pericoli, prive di supporto necessario e di adeguate condizioni di sicurezza.
Serve subito un solido punto di riferimento: persona competente e soprattutto capace di gestire un Settore complesso, certamente il più importante per dimensioni, personale, risorse impegnate e impatto.
Un paio di settimane ancora e verificheremo l'esito della procedura di mobilità avviata.