Sanità: il Ministro Lorenzin ad Ancona. Tra Inrca e farmaco-cura per l'epatite dice basta alle nomine dirigenziali 'politiche'

Ministro Beatrice Lorenzin ad Ancona 3' di lettura Ancona 10/05/2014 - Mentre il presidente della Regione, Gian Mario Spacca, annuncia il nuovo Inrca- Ospedale di Rete Ancona sud entro luglio 2016 con tanto di completamento della cittadella ospedaliera. Il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, fa tappa ad Ancona. Si parla di anziani, si parla di Inrca. Nè manca di ricordare la trattativa in corso per l'acquisto di un costosissimo farmaco per l'epatite e la volontà di cambiare la governance e dice basta a nomine dirigenziali politiche. Il video.

"La popolazione è sempre più anziana - ha ricordato sabato mattina all'Inrca di Ancona il Ministro della Salute Lorenzin dopo la visita ai malati del Geriatrico e davanti ad una platea di medici, politici e non solo - dobbiamo lavorare subito: investire sulla prevenzione, su modelli di stili di vita ed educare le varie fasce di popolazione a prendersi cura di sé". E "degli anziani - aggiunge - ci dobbiamo occupare sia dal punto di vista umano e di ricerca".

La Lorenzin dice si alla telemedicina, alla domiciliazione delle cure. E ricorda ancora una volta che tra qualche mese si troverà davanti una "scelta difficile", quella sul "farmaco per curare epatite", così come i "farmaci oncologici". Medicine innovative, ma costosissime che potrebbero cambiare veramente le aspettative di vita, tutt'ora in corso infatti le trattative sul costosissimo farmaco anti epatite, di cui la Lorenzin non dice altro, se non che è stato "predisposto nuovo piano nazionale" per l'epatite, ma ancora manca all'appello la "firma".

"Nei prossimi 5 anni - ha aggiunto la Lorenzin a riguardo - arriveranno farmaci innovativi e qui si tratta di salvare la vita a 500 mila persone. Scoperte che capitano - ha precisato - raramente".

Si punterà inoltre alla ricerca ed all'innovazione per una medicina che rivoluziona il rapporto tra paziente e sanitari. "Su questo punto bisognava incominciare a ragionarci. Molte sono le persone anziane con l'epatite". E se questo problema si può risolvere allora perchè aspettare, in sintesi il discorso del Ministro che ricorda ci sono anche molti giovani affetti e bisogna dire basta per non vivere nella paura se si ha contratto, anche per una semplice trasfusione di sangue, questa malattia.

Il Ministro dice anche basta alle nomine dirigenziali in Sanità fatte dalla politica e che la Sanità non può essere gestita dal Ministero dell'Economia e delle Finanze (perchè, dice lei, "Non ci capiscono niente"). "Voglio cambiare il sistema di governance e la politica deve stare fuori da questo discorso. Il nostro potere sta nel dare le linee di indirizzo e nel verificare il processo e dire se un sistema funziona, ma non quella di fare nomine e direttori".

"Con quale merito- si chiede la Lorenzin tra gli applausi dell'Auditorium dell'Inrca di Ancona - io posso scegliere un direttore scientifico? Lo stesso discorso l'ho vissuto su Stamina. Basta riempiersi la bocca di meritocrazia. Finché la politica interviene sulle scelte dei singoli non saremo in grado di cambiare la politica".

E alle polemiche di alcuni sulla sua visita che l'accusano di essere venuta in città solo per fare campagna elettorale, che fin dall'inizio del suo discorso ha scansato, dice: "Dovevo venire ad Ancona già da quattro mesi".








Questo è un articolo pubblicato il 10-05-2014 alle 15:20 sul giornale del 12 maggio 2014 - 2368 letture

In questo articolo si parla di sanità, politica, redazione, ancona, ministro della salute, vivere ancona, INRCA di Ancona, laura rotoloni, visita, vivereancona.it, redazione@vivereancona.it, lorenzin, articolo, ministro beatrice lorenzin ad ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/3Ux





logoEV