Truffa della bolletta: tentano di raggirare un'anconetana. Nei guai due 21enni

truffa 1' di lettura Ancona 21/05/2014 - Tentato di raggirare una donna anconetana. A finire nei guai due 21enni. Per loro nulla da fare: scatta la denuncia.

Nelle ultime 24 ore gli Agenti delle Volanti, diretti dal Vice Questore Aggiunto Cinzia Nicolini, hanno effettuato numerosi controlli per il contrasto dei reati contro il patrimonio di tipo predatorio che interessano soprattutto le fasce deboli. Un bilancio tra truffe e controlli di sei denunce in 24 ore.

Nella rete delle "pantere" questa volta sono finiti due ventunenni, uno abruzzese ed uno campano che, nel pomeriggio di martedì, hanno tentato di raggirare una signora anconetana di mezz'età. In particolare i due giovani aveva bussato alla porta della signora e, con una certa insistenza, le avevano chiesto di poter controllare la bolletta della fornitura di energia elettrica al fine di verificarne il consumo.

In pochi minuti i due ventunenni compilavano un modulo con i dati della donna e, con raggiro, riuscivano ad ottenere dalla vittima la sua firma facendo leva anche sullo stato di precarietà economica in cui versava ed impedendole, con varie scuse, di poterlo leggere con i suoi occhiali.

E' così i due giovani, dipendenti di un'agenzia del centro Italia, sono stati fermati dalla Polizia ed accompagnati in Questura. Gli Agenti, a seguito della querela sporta dalla vittima, hanno proceduto al sequestro della proposta di contratto e alla denuncia all'Autorità Giudiziaria.






Questo è un articolo pubblicato il 21-05-2014 alle 14:51 sul giornale del 22 maggio 2014 - 2162 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, ancona, vivere ancona, laura rotoloni, vivereancona.it, redazione@vivereancona.it, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/4An


Si proceda anche contro le società di somministrazione del gas e della luce che consapevolmente danno incarichi a questi disgraziati.
Inoltre non possono neanche scusarsi con l'aver dato degli incarichi a delle agenzie perché c'è la responsabilità oggetti del committente.




logoEV