Accoglienza Profughi da Ancona: da Marangoni l'appello, "il popolo marchigiano si mobiliti"

Enzo Marangoni 1' di lettura Ancona 05/11/2014 - Centro Accoglienza Profughi nel porto di Ancona: Marangoni annuncia interrogazione regionale. Appello ai marchigiani: il popolo marchigiano si mobiliti. A rischio la salute e l'economia della zona.

Il consigliere regionale di Forza Italia Enzo Marangoni interviene duramente sulla vicenda dell'arrivo di quasi 400 profughi nel porto di Ancona. Non è pensabile che a pochi metri dal centro città si possa allestire in fretta e furia un centro accoglienza di immigranti clandestini.

Marangoni è già intervenuto poche settimane fa sulla vicenda dell'Ebola portando solidarietà agli operatori del 118 che non sono adeguatamente attrezzati per gestire malattie provenienti dai paesi africani. Trasformare in fretta e furia un deposito merci in centro accoglienza profughi è da irresponsabili: la sinistra ne renderà conto al popolo marchigiano.Occorre opporsi con tutte le forze.

Marangoni annuncia intanto una interrogazione regionale perché teme che questo centro possa diventare una struttura stabile e potremmo trovarci così con il Porto di Ancona come scalo profughi, oltre che scalo commerciale e turistico. Questo potrebbe avere ripercussioni negative sull'economia già in stato di sofferenza, oltre a grossi problemi anche sanitari e di sicurezza sia nell'area portuale che nel centro di Ancona.

Malattie come l'Ebola o altre potrebbero diffondersi in tutta la regione. Marangoni rivolge un appello agli anconetani e a tutti i marchigiani affinché si mobilitino per impedire che nel nostro territorio sorga un centro profughi. Si potrebbe occupare pacificamente l'ex Tubimar per impedire l'arrivo dei profughi stessi.


da Enzo Marangoni
Consigliere regionale Forza Italia





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-11-2014 alle 18:36 sul giornale del 06 novembre 2014 - 1271 letture

In questo articolo si parla di regione marche, forza italia, politica, Enzo Marangoni, Consigliere regionale Forza Italia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aa6q





logoEV