Macroregione, il 18 novembre il lancio a Bruxelles

Bandiera Europa 3' di lettura Ancona 15/11/2014 - La Macroregione Adriatico Ionica è realtà. Dopo l’ultimo atto formale il 24 ottobre scorso, che ha portato all’approvazione della strategia da parte del Consiglio Europeo, martedì 18 novembre a Bruxelles, al Centro Congressi “Le Square”, si svolgerà la Conferenza Europea di lancio della Macroregione Adriatico Ionica (Eusair).

L’evento è organizzato dalla Presidenza Italiana del Consiglio dell’Unione Europea in cooperazione con la Commissione Europea, l’Iniziativa Adriatico Ionica e la Regione Marche-Presidenza del Gruppo Interregionale Adriatico Ionico del Comitato delle Regioni dell’UE. “L’obiettivo – spiega il presidente della Regione Marche e dell’Intergruppo adriatico ionico del Comitato delle Regioni Gian Mario Spacca - è di offrire un quadro di riferimento per un’efficace implementazione di EUSAIR e del suo Piano di Azione ai soggetti attuatori chiave della strategia: le autorità nazionali e regionali, i responsabili per la strategia e la gestione dei fondi UE, le istituzioni dell’Unione Europea, enti ed organizzazioni regionali. Il percorso fin qui è stato lungo, ma la creazione della Macroregione non è il punto di arrivo, piuttosto il punto di partenza. Adesso è il momento di rimboccarci le maniche e agire con progetti concreti valorizzando al massimo le molteplici opportunità che la strategia e' in grado di offrire”. Il programma si articola in una sessione istituzionale al mattino, cui parteciperanno i Ministri degli Esteri degli 8 Paesi EUSAIR; i Commissari Europei alla Politica Regionale, agli Affari Marittimi ed all’Allargamento UE; i componenti del Parlamento Europeo e del Comitato Economico e Sociale. Seguirà il pomeriggio una sessione tecnica sulla governance di Eusair per garantire la partecipazione di tutti i livelli di governo - europeo, nazionale, regionale, locale - in un approccio bottom-up per la realizzazione di progetti di respiro macroregionale nei territori coinvolti.

SCHEDA DEFINIZIONE DI MACROREGIONE : un’area comprendente un certo numero di territori di differenti Paesi e regioni associati per una o più caratteristiche e problematiche (geografiche, culturali, economiche, ecc). AREA INTERESSATA: Marche, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia oltra a Slovenia, Croazia, Bosnia-Herzegovina, Serbia, Montenegro, Albania, e Grecia. OBIETTIVO: il riconoscimento istituzionale della Macroregione Adriatica da parte della Ue darà una cornice compiuta a molteplici iniziative e progetti già in atto, consentirà di operare in modo sinergico su progetti di rilievo per l’intera area, favorirà l’attrazione di investimenti UE. PIANO D’AZIONE: E' costruito su quattro pilastri e due assi trasversali: il primo pilastro, relativo alla Blue economy, ha il coordinamento del Veneto, il secondo su interconnessioni e infrastrutture, del Friuli Venezia Giulia, il terzo, qualità ambientale, ecosistemi e cambiamenti climatici, dell’Emilia Romagna, il quarto, che riguarda l’attrattività, della Puglia. Accanto ai quattro pilastri i due assi trasversali: quello della Ricerca, innovazione, sviluppo delle Pmi (affidato alle Marche che hanno anche il coordinamento generale dei lavori Eusair) e Formazione e Capacity Building (Molise).






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-11-2014 alle 16:20 sul giornale del 17 novembre 2014 - 1665 letture

In questo articolo si parla di regione marche, europa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/abAb





logoEV