Un fucile a canne mozze nell'appartamento. Scatta il sequestro da parte della Mobile

Ancona 20/11/2014 - Un pericoloso fucile a canne mozze nell'appartamento. Scatta il sequestro da parte della Mobile che ora indaga sulla vicenda. Nei guai un gruppo di siciliani.

Custodivano un fucile a canne mozze in una abitazione in una zona semicentrale ad Ancona. E' questa la scoperta fatta mercoledì dopo il blitz della Squarda Mobile dorica, condotta dal Dott. Giorgio di Munno, nella struttura. L'arma è stata rinvenuta in una stanza avvolta dentro a del cellophane.

All'interno dell'immobile tre siciliani e se per loro, al momento, non sono scattate misure restrittive la Mobile sta tentando di far luce sulla vicenda. Non è la prima volta recentemente che nel Capoluogo dorico dei siciliani si trovino coinvolti in reati. Si pensi allo sventato tentativo di rapina alle Poste a Torrette, quando la polizia per fermare i malviventi, ha dovuto sparare alcuni colpi. Sebbene corregionali, si esclude, da parte degli inquirenti, un collegamento tra i due eventi.

E ora dopo il sequestro dell'arma dalla notevole potenza di fuoco le indagini proseguiranno anche con accertamenti balistici.






Questo è un articolo pubblicato il 20-11-2014 alle 18:51 sul giornale del 21 novembre 2014 - 1223 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, ancona, vivere ancona, laura rotoloni, vivereancona.it, redazione@vivereancona.it, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/abOP