Tombolini (60100): niente festa dell'Albero. "Ad Ancona il calendario dell'amministrazione è...personalizzato"

Stefano Tombolini 3' di lettura Ancona 23/11/2014 - Venerdì si è svolta in tutta Italia, fuorché in Ancona, la giornata nazionale dell’albero, dato che il calendario della nostra amministrazione, come ben sappiamo, è personalizzato: le “tipicità del mare” si festeggiano sotto Natale, le luminarie le montiamo a Pasqua e la festa dell’albero entrerà a regime solo quando sarà completato il progetto per una città sostenibile, più attenzione alla mobilità, al verde urbano, ai parcheggi e al trasporto pubblico locale, naturalmente dopo aver ben sensibilizzato a queste tematiche il cittadino.

La giornata nazionale degli alberi, riconosciuta dalla legge n. 10 del 14 gennaio 2013 (norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani), rappresenta una fondamentale opportunità per porre l'attenzione sull'importanza degli alberi per la vita dell'uomo e per l'ambiente stesso; in fondo da sempre gli alberi combattono i fenomeni di dissesto idrogeologico, mitigano il clima, rendono più vivibili gli insediamenti urbani, proteggono il suolo e migliorano la qualità dell'aria ed oggi il problema è quanto mai centrale in un momento in cui il cambiamento climatico sta provocando gravi danni.

Eppure anche nella nostra città ci dimentichiamo in continuazione del loro ruolo fondamentale dell'ecosistema terrestre; infatti, nonostante la Regione Marche abbia sottoscritto con la società Autostrade per l’Italia Spa, in relazione ai lavori di ampliamento della 3^ corsia da Cattolica a Porto S. Elpidio, un piano di riforestazione compensativa in ottemperanza al protocollo di Kyoto in fase di attuazione da parte di Autostrade per l’Italia Spa con atti del Commissario Straordinario, deliberazione n. 128-129- 130 del 18 aprile 2013 che dicono: “sono stati approvati la convenzione relativo alle zone 1.1.a, 1.1.b e 1.02 (allegato “b”) tra Autostrade per l’Italia Spa ed il Comune di Ancona per la regolamentazione dei rapporti derivanti dalla progettazione e successiva realizzazione degli interventi di forestazione: “lavori di riforestazione dell’area 1.1.b zona Posatora – frana (superficie netta effettiva ha 4,46)”, “lavori di riforestazione dell’area 1.02 zona q2a – via volponi / via betti (superficie netta effettiva ha 1,53)”, “lavori di riforestazione dell’area 1.1.a zona Posatora – frana (superficie netta effettiva ha 8,82)”

Codice identificativo in progetto, superficie netta effettiva e importo previsto (iva inclusa)

1.1.a Posatora – frana 8,82 € 443.797,83

1.1.b Posatora – frana 4,46 € 223.291,56 1.02

q2a – via volponi/via betti 1,53 € 77.209,00

totale progetti 14,81 € 744.298,39.

Purtroppo l’Autostrada è passata, la terza corsia finita, ma nulla è stato fatto e le delibere sono state dimenticate al pari della festa degli alberi; non sarebbe male vedere come e dove saranno piantati questi alberi e fare in modo che gli impegni assunti diventino realtà. L’Assessore alle Politiche Ambientali è il nostro Sindaco, perciò rivolgiamo a lei la richiesta di voler sollecitare Autostrade per l’Italia Spa a rispettare gli impegni e a spendere i soldi promessi...più facile di così si muore.


da Stefano Tombolini
    Lista civica “Sessantacento Ancona”





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-11-2014 alle 18:25 sul giornale del 24 novembre 2014 - 1192 letture

In questo articolo si parla di politica, ancona, Lista Civica, sessantacento, stefano tombolini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/abWr





logoEV