5 mila richieste di aiuto alla Caritas. Niccoli: "Nuove povertà, l'emergenza è sanitaria"

Carlo Niccoli Ancona 24/11/2014 - Sono più di 5 mila le richieste di aiuto pervenute all'associazione Santissima Annunziata gestita dalla Caritas. In aumento gli italiani in difficoltà, così come è anche allarme per le nuove povertà, quelle spesso meno conosciute. Il presidente Niccoli: "L'emergenza è sanitaria". Nè scompare l'idea di un emporio solidale per la Caritas all'ex Ipsia.

Sono più di 5mila le richieste di aiuto nel 2013, per un totale di 4.900 interventi e 2.363 momenti di ascolto, realizzati da 250 volontari, 8 operatori dipendenti e un collaboratore a progetto. Il tutto per un totale di 632 mila euro annui spesi con un risparmio significativo grazie al servizio no profit. Questi i dati salienti del bilancio sociale dell'associazione Santissima Annunziata, l'onlus della Caritas diocesana, illustrati da Fabrizio Bambini ed il presidente Carlo Niccoli.

Due in particolare i centri caritatevoli gestiti, si tratta del centro "Giovanni Paolo II" di via Podesti inaugurato ad aprile 2007 e quello del "Beato Gabriele Ferretti" di via Astagno aperto nel 2011. In queste realtà portate avanti prevalentemente da figure volontarie aumentano gli uomini ospitati che passano dal 45,8% del 2011 al 61% nel 2013. Così come aumentano gli italiani bisognosi che dal 13,6% passano al 20%. In particolare diminuisce l'età media di chi si rivolge al centro di ascolto: il 67,2% ha meno di 44 anni, mentre erano 61,9 nel 2011. In costante aumento anche il numero dei senza dimora che sale dal 23,9% al 31,4%.

In pochi conoscono però le nuove povertà, non più solo padri divorziati ma l'emergenza diventa sanitaria. "Gli uomini separati che chiedono aiuto sono in forte aumento, ma in pochi conoscono la povertà sanitaria e farmaceutica. C'è una fascia di popolazione che non ha più assistenza sanitaria e vi sono persone che non riescono più a pagare i medicinali che non passa il servizio sanitario nazionale". E' per questo che l'ambulatorio gestito dalla Santissima Annunziata, in collaborazione con altre realtà, cerca di distribuire farmaci a chi ha bisogno recuperandoli alla giornata del banco farmaceutico, dalle persone. In particolare il presidente Niccoli intende ringraziare coloro che hanno contribuito anche con la ricerca di fondi tra cui il LIONS CLUB (e non un'altra realtà, nel caso specifico, come erroneamente citato nel video ndr).

L'appello oltre a chi volessa dare aiuto mirato, va anche alla ricerca di nuove leve volontarie. "Ci servono tanto volontari - ha aggiunto il presidente Niccoli - giovani medici, ma anche chi possa lavorare al magazzino del vestiario, alla mensa nel tardo pomeriggio dalle 18-20 oppure chi esperto di contabilità voglia tenere a posto le pratiche".

Nè scompare l'idea di un emporio solidale per la Caritas all'ex Ipsia, dove il Comune di Ancona offrirebbe i locali a fronte di una restrutturazione da parte della Caritas nazionale. "Siamo in ritardo - ha affermato il Direttore della Caritas locale- su un progetto che a nostro avviso doveva avere dei parametri diversi ed ora i costi si sono triplicati ed il progetto va valutato con la Caritas italiana. Al momento abbiamo un mercatino solidale dove le persone con tessera vanno a fare spesa ed ogni articolo ha un punteggio rispettivo così si eduaca a fare spesa, a prendere i prodotti che servono". L'idea di un "emporio solidale più grosso" che dia "un servizio unico a tutta la città" e che faccia da "banco prova" per poi aprire altri punti a Falconara, Castelfidardo ed Osimo non scompare, ma i "tempi sono quelli della burocrazia delle Istituzioni pubbliche" ha concluso il Direttore.


Per chi volesse diventare volontario o aiutare il Centro Giovanni Paolo II puo' recarsi in via podestà 12 ad Ancona dal lunedì al venerdì dalle 9 e alle 11 di mattina o telefonare allo 071/201512 o inviare una mail ad info@annunziataonlus.it








Questo è un articolo pubblicato il 24-11-2014 alle 18:37 sul giornale del 25 novembre 2014 - 2363 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, ancona, vivere ancona, carlo niccoli, laura rotoloni, vivereancona.it, redazione@vivereancona.it, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ab1h





logoEV