Eusebi, Multiservi: "Paolo Raffaeli, presidente operaio..."

paolo eusebi Ancona 24/11/2014 - Paolo Raffaeli ha 63 anni ed è stato sindaco di Montemarciano nonché presidente del consiglio provinciale di Ancona. Un politico vero, di certo non un tecnico ne un manager. Di fatto, ora è il nuovo presidente di Multiservizi.

Lo ha proposto sua maestà la Mancinelli in ossequio - a suo dire - a competenze, capacità, esperienze e professionalità. Trattandosi di una delle più importanti aziende delle Marche ci sarebbe davvero di che essere soddisfatti. Eppure sul Corriere.it Raffaeli alla voce professione viene genericamente indicato come: operaio-artigiano-agricoltore. Bene, professioni rispettabilissime ma con le partecipate c’entrano ben poco.

Raffaeli un aiutino sicuramente l’ha avuto grazie al suo essere presidente della “Fondazione Primo maggio”. Voi direte: ma che Fondazione è. Semplice. Dal sito della Fondazione: “La Fondazione Primo Maggio non ha scopo di lucro e opera nell’ambito del territorio della Regione Marche. Fondatori della Fondazione sono i Democratici di Sinistra della Federazione Provinciale di Ancona. Presidente della Fondazione è Paolo Raffaeli, già Tesoriere provinciale DS. La Fondazione Primo Maggio nasce il 9 aprile 2009 ereditando il Patrimonio immobiliare già di proprietà dei DS della provincia di Ancona i quali a loro volta lo avevano ereditato dal PCI prima e PDS poi.. ”.

Molto bene. Per la Mancinelli però Raffaeli ha le carte in regola per governare Multiservizi. che non è una realtà da poco. Ma la Mancinelli è certa che col suo fido e fidato Patrizio Ciotti, Raffaeli farà grandi cose. Noi siamo molto meno convinti e chiediamo a gran voce che i conti di Multiservizi, comprese le esposizioni bancarie, vengano forniti con dovizia di particolari all’intera comunità. A quella comunità che paga la Mancinelli, Ciotti ed ora lo stesso Raffaeli.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-11-2014 alle 16:25 sul giornale del 25 novembre 2014 - 2012 letture

In questo articolo si parla di attualità e piace a bebomix

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/abZl


ma quando la smetteremo noi della sinistra di fare come tutti dando incarichi in base a meriti di partito?

paolo eusebi

26 novembre, 09:22
Caro Giuliodori,
non si affligga,questi sono i tempi. Scusi l'ingenuità, ma credo che sia indispensabile rottamare i metodi invece di blaterare sulla rottamazione all'italiana del" levate te che me ce metto io". Se i " nuovi" sono come o peggio dei "vecchi" le cose non migliorano, anzi peggiorano. Se la rottamazione è solo una furbizia per prendere e mantenere il potere (che con la legge elettorale Renzi-Berlusconi rischia di diventare quasi dittatoriale), ci aspettano tempi bui!




logoEV