Le Marche ricordano ad Ancona lo storico Enzo Santarelli a dieci anni dalla sua scomparsa

Enzo Santarelli 2' di lettura Ancona 25/11/2014 - Due giornate con studiosi provenienti da tutta Italia per riscoprire la lezione storiografica di Enzo Santarelli. Così l’Istituto regionale per Storia del movimento di Liberazione nelle Marche ricorderà il suo fondatore, in occasione del decennale della sua scomparsa. L’appuntamento è per il 27 e il 28 novembre, alla Facoltà di Economia “Giorgio Fuà” (piazza Martelli, Ancona).

Santarelli è oggi unanimemente riconosciuto come uno dei più importanti storici non solo nell'arco della ricerca marxista, ma dell'intero panorama storiografico italiano postbellico. A lui si devono la nascita degli studi storici sul movimento operaio della nostra regione e opere monumentali come “La storia del movimento e del regime fascista” e la biografia di Pietro Nenni. Ma Santarelli è stato anche molto altro: militante e dirigente comunista, parlamentare dal 1958 al 1963, professore di Storia contemporanea all’Università di Urbino, fondatore di riviste locali, ma anche nazionali come l’odierna “Latinoamerica”. Il convegno, dunque, rappresenta una grande occasione per conoscere e approfondire la storia di uno dei più originali intellettuali del Novecento marchigiano.

Di seguito il programma del convegno: Giovedì 27 novembre ore 16,30 Presiede Amoreno Martellini (Università di Urbino) Saluti Francesco Chiapparino (Università Politecnica delle Marche) Pietro Marcolini (Assessore alla cultura Regione Marche) Mirco Carrattieri (Istoreco - Reggio Emilia), La sua generazione storiografica Marina Tesoro (Università di Pavia), Nenni e il sovversivismo Maria Paola Del Rossi (Fondazione Di Vittorio, Roma), Il movimento operaio e contadino Alberto De Bernardi (Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione In Italia), Il fascismo Venerdì 28 novembre ore 10,30 Presiede Carla Marcellini (Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia) Renato Moro (Università di Roma Tre), L’Italia repubblicana Barbara Montesi (Università di Urbino), Donne protagoniste Ruggero Giacomini (Centro culturale “La Città futura”, Ancona), La cultura della pace Giampaolo Calchi Novati (Università di Pavia, Ispi, già direttore dell’Ipalmo), Il terzo mondo questo conosciuto Venerdì 28 novembre ore 15,30 Presiede Sergio Bugiardini (Istituto per la storia del movimento di liberazione di Fermo) Simone Massacesi (Istituto Storia Marche), La questione marchigiana attraverso le “sue” riviste Massimo Papini (Istituto Storia Marche), “Le Marche dall’unità al fascismo” cinquant’anni dopo Roberto Giulianelli (Università politecnica delle Marche), Il socialismo anarchico in Italia e nelle Marche Matteo Petracci (Università di Macerata), La Resistenza marchigiana.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-11-2014 alle 17:57 sul giornale del 26 novembre 2014 - 1664 letture

In questo articolo si parla di attualità, storico, Istituto Storia Marche, Enzo Santarelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ab3O