Edili in lotta per il futuro, Cisl: 'Persi il 50% dei posti di lavoro, sbloccare subito 6 miliardi di investimenti'

Edilizia 2' di lettura Ancona 27/11/2014 - Presidio di lavoratori e delegati al cantiere della Quadrilatero a Borgo Tufico di Fabriano in occasione della giornata nazionale di mobilitazione del settore delle costruzioni indetta dalle organizzazioni sindacali delle costruzioni FeNEAL-UIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL .

Dopo sei anni consecutivi di crisi, nelle Marche sono più di 10.000 i posti lavoro bruciati e sono almeno 3.000 le imprese sparite. Non va meglio nell’ultimo anno dove le casse edili registrano un ulteriore calo degli addetti (-11,31%) e delle imprese (-13,74%) ed una conseguente diminuzione delle ore lavorate (- 16,25%). Continua ad aumentare l’utilizzo della cassa integrazione che nel 2013 ha sfiorato i cinque milioni di ore autorizzate dall’INPS (+ 35,24%).
Bloccato il mercato immobiliare, diminuiti del 78,07% i permessi di costruire.
Gli unici dati in controtendenza sono le 45.000 domande per i lavori di ristrutturazione e riqualificazione del 2013 (+40,22%) ed i 2.794 interventi realizzati grazie al Piano Casa nel 2012 (+ 51,28%).

«Il settore delle costruzioni sta morendo - denunciano i sindacati - soffocato più che dalla stretta creditizia anche dalla incapacità di dare risposte adeguate da parte delle Istituzioni.Nelle Marche ci sono quasi 6 miliardi di euro stanziati negli ultimi anni che non si sono mai tramutati in cantieri. Spendendoli si potrebbero generare oltre 10.000 posti lavoro, con una ricaduta complessiva sul sistema economico regionale. Si tratta di decine di opere pubbliche incompiute o di progetti infrastrutturali che potrebbero essere prossimi alla cantierizzazione.
La Regione assuma una iniziativa forte e utilizzi tutti gli strumenti a sua disposizione per sbloccare questi cantieri».

Per ripartire il settore ha bisogno di scelte chiare da parte della politica e di regole che possano stimolare gli investimenti privati. Per questo « chiediamo alla Regione Marche di rendere stabile il Piano Casa che scadrà il 31 dicembre, mentre ai Comuni chiediamo di alleggerire il peso degli oneri che gravano sugli interventi di ristrutturazione edilizia e di riqualificazione energetica».

FeNEAL-UIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL criticano la proposta di legge regionale sul Governo del Territorio che « con troppi livelli di pianificazione territoriale finirà con il bloccare ogni attività edilizia ». Critiche anche alla proposta di legge regionale sulla semplificazione normativa in edilizia che, « ampliando le attività edilizie libere, finirà con l’allentare le norme a garanzia del lavoro e favorirà la crescita del lavoro nero ed irregolare.
Occorre invece invertire la tendenza alla de-regolazione del settore, riaffermando la validità di uno strumento fondamentale come il DURC e contrastando l’abuso degli strumenti di flessibilità del lavoro come le false partite IVA o l’utilizzo dei voucher nei cantieri edili».






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-11-2014 alle 19:01 sul giornale del 28 novembre 2014 - 347 letture

In questo articolo si parla di attualità, cisl marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ab0Q