Focus sull'Ucraina, ad Ancona l'Ambasciatore in Italia per l'evento "Ucraina sono io! Un anno dopo Majdan"

2' di lettura Ancona 28/11/2014 - "Ucraina sono io! Un anno dopo Majdan" è l’evento, dedicato all’anniversario della Rivoluzione della Dignità in Ucraina, che si è svolto nei giorni scorsi ad Ancona. Questo è il secondo incontro organizzato dall’Associazione Comunità Ucraina nelle Marche (C.U.M) con il patrocinio del Comune di Ancona e in collaborazione con l'Associazione ANOLF Marche (Associazione Nazionale Oltre Le Frontiere).

Prima dell’evento l'Ambasciatore ucraino in Italia, Yevhen Perelygin, è stato ospite nella Sala Giunta del Comune di Ancona per il saluto ufficiale da parte delle autorità comunali ricevuto dal Presidente del Consiglio Comunale Marcello Milani. Da entrambe le parti è stata espressa la volontà di una proficua futura collaborazione in una prospettiva di pace e concordia in Ucraina.

All’incontro “Ucraina sono io! Un anno dopo Majdan’’, svoltosi nella sala Armatura della Cisl, sono intervenuti l’Assessore ai Servizi Sociali, Igiene e Sanità, Pari Opportunità Dott.ssa Emma Capogrossi, l’ambasciatore ucraino, il Capo dell’Ufficio Commerciale dell’Ambasciata Ucraina in Italia Oleksandr Kapustin, il giornalista, autore del libro ”Ucraina terra di confine’’ Massimiliano di Pasquale, il testimone diretto di Majdan ed autore del libro “Gli Angeli di Majdan’’ Mauro Voerzio, il presidente di C.U.M. Sofiya Tsisar, il vice presidente di C.U.M. Yuliya Dehtyaryova, ed il moderatore Oleg Rumyantsev. Erano presenti anche Stefano Foresi, Assessore alla Partecipazione Democratica, Neli Isaj, co-presidente di ANOLF Marche, rappresentanti di numerose associazioni locali con una grande partecipazione della cittadinanza della intera Regione Marche.

L’evento è stato animato dal coro “Calicanto’’ di Senigallia diretto da Valeria Piccardi, dal trio italo-ucraino “Kalyna’’, dal maestro e musicista dell’ “Ensamble italiano’’ Andrea Magnaterra e del gruppo di bambini della Comunità Ucraina Marche. Per concludere la serata degustazione piatti tipici ucraini. È stato un evento coinvolgente e toccante, visto che si discuteva della partecipazione democratica nella costruzione del nuovo modello civile ucraino basato su dignità, libertà, eguaglianza e solidarietà. Gli argomenti trattati riguardano le basi morali per la costruzione del futuro sia del popolo ucraino che di tutti altri popoli di una nuova Europa.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-11-2014 alle 10:59 sul giornale del 29 novembre 2014 - 2756 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, comune di ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/acbM