Fuga dal Pd anche ad Ancona e provincia per Civati

Giuseppe Civati 2' di lettura Ancona 16/06/2015 - Dopo un periodo di militanza nel Partito democratico ed impegno negli organismi comunali, provinciali e regionali, abbiamo scelto di lasciarlo ed aderire al costituendo movimento politico, Possibile, che Civati presenterà ufficialmente il prossimo 21 giugno a Roma.

Il tempo per provare a cambiare le cose da dentro è finito, perché, in questa fase politica, il PD ha mostrato limiti impossibili da superare. Pian piano, infatti, si va accentuando l'incapacità di creare un dialogo con la società civile, di progettare riforme strutturali fondamentali per rilanciare l'intero Paese, di affrontare alcune tematiche, in particolare se mettono in discussione interessi che "non si possono toccare" (si veda, ad esempio, quanto contenuto nel decreto sblocca Italia sulle questioni ambientali). Sentiamo la voglia di "ricominciare" da capo. La scommessa è quella di contribuire a creare un nuovo progetto politico, per una sinistra di governo; un movimento politico aperto, accogliente e costruttivo, che sappia immaginare e raccontare un Paese diverso da quello in cui viviamo oggi; che sappia mettere insieme idee e saperi e che si adoperi, finalmente, per combattere le numerose ingiustizie.

La politica ‘è una prova che può riempire degnamente una vita’, ha detto qualcuno che faceva sul serio, e per continuare a farlo è necessario restituire alla politica valori fondanti come la partecipazione, la credibilità, il senso di responsabilità verso gli altri. Tutto questo, a nostro parere, non esiste più dentro questo PD e ancor meno nel futuro che si va delineando fin da ora nelle scelte di questi ultimi tempi. C’è un tempo per tutto. Una contemporaneità che chiama a delle scelte. Per noi è ora di provarci per tornare a credere che sia possibile, appunto, vivere in un paese i cui cittadini - stanchi del meno peggio e delle compatibilità pantanose e apparentemente insuperabili - tornino ad investire nel proprio futuro e in un progetto che non sia fatto solo di ‘meglio di niente’ ma di felicità e rispetto di sé e del proprio progetto di vita.

Marina Barausse - componente dimissionaria dell'assemblea provinciale PD Marche Concetta Contini - componente dimissionaria dell'assemblea regionale PD Marche Myriam Fugaro - componente dimissionaria della direzione provinciale PD Marche Carla Gambelli - componente dimissionaria della direzione regionale PD Marche Catia Ventura - componente dimissionaria della direzione provinciale PD Marche






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-06-2015 alle 10:33 sul giornale del 17 giugno 2015 - 2399 letture

In questo articolo si parla di politica, lettera

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/akLB





logoEV
logoEV