Univpm conferisce a Rossano Bartoli della Lega del Filo d'Oro il “Premio Eccellenza nel Sociale”

11/05/2017 - Segretario Generale della associazione dal 88 Bartoli ha rivoluzionato i metodi di finanziamento delle ONLUS in Italia, presentando ancora modelli innovativi e competitivi di sviluppo ed espansione.

“Un premio che ci onora consegnare, un riconoscimento sentito per un caso di valore assoluto” il commento del Magnifico Rettore Sauro Longhi al riconoscimento assegnato al filantropo Osimano “ un premio dato non solo ad una singola persona, ma a tutto un progetto, fatto di innovazione ed investimenti, per consentire la comunicazione ha chi non ha i mezzi”. La Lega del Filo d'Oro è un associazione dedita all'assistenza, educazione e riabilitazione delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali.

Fondata nel 1964 l'associazione Osimana è diventata il centro di riferimento nazionale per persone colpite da questo tipo di disabilità. Una storia di eccellenza, indissolubilmente legata all'impegno Amministrativo del dott. Bartoli. Volontario dell'associazione dal '68, nominato Direttore Amministrativo nel '75 e Segretario Generale nel 1988 bartoli ha guidato l'associazione verso una continua espansione in termini qualitativi e quantitativi, offrendo cure sempre migliori a sempre più pazienti, grazie ad una gestione illuminata dei fondi donati da privati. “frequentai un convegno sulla raccolta fondi per le Onlus nell'84 in Olanda, appresi come associazioni di caratura internazionale fossero finaziate senza fondi statali, ma so grazie a donazioni privata” racconta Bartoli “ un modello che siamo riusciti ad importare con successo e di cui ancora raccogliamo i benefici”.

Un caso unico in Italia quello delle Lega, studiato e analizzato in diverse ricerche economiche scientifiche per il suo successo. Con livelli di crescita costanti significativi l'Associazione nel 2016 ha dichiarato un bilancio di oltre 40 milioni di euro, dei quali il 65% provenienti da donazioni dei privati. Un successo sintomo di strategie ed investimenti di marketing fortemente voluto da Bartoli, che ha potuto vedere il proprio intuito e coraggio premiati dalla generosità degli italiani in oltre 30 anni di amministrazione.

Nel 2016 la Lega del Filo d'Oro, grazie al suo bilancio milionario, ha fornito assistenza a oltre 844 in 5 regioni italiane, grazie a 590 lavoratori (il 90% a tempo con contratto a tempo indeterminato) e l'ausilio di 611 entusiastici volontari. Cifre che sicuramente sono destinate ad aumentare vista la prossima inaugurazione dei due nuovi plessi ad Osimo, che permetteranno di aumentare significativamente il numero dei posti letto. ù

Ad assegnare la prima edizione di questo Premio, una commissione composta dai professori della Facoltà di Economia G.Fuà, tra le Giudicatrici e promotrici del progetto la proff.ssa Maria Giovanna Vicarelli, in passato facente parte del cda della Lega, che ha lodato il forte senso di identità che Bartoli ha saputo conferire all'associazione e per “una connotazione imprenditoriale che rispecchia le virtù marchigiane di dedizione al lavoro,attenzione alle persone e tenacia”, mentre per il Prorettore Gregori è stata un'ottima lezione su “come il marketing, spesso disprezzato, possa invece essere utilizzato produttivamente nel sociale”.


di Filippo Alfieri
   
redazione@vivereancona.it






Questo è un articolo pubblicato il 11-05-2017 alle 19:07 sul giornale del 12 maggio 2017 - 1507 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo, Filippo Alfieri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aJfK