Compiuta l'impresa del Pedale Aguglianese: dal comune marchigiano ad Auschwitz in bicicletta

1' di lettura Ancona 06/08/2017 - 1600 km coperti in 9 giorni dagli 11 ciclisti che si sono cimentati nella prova che li ha visti attraversare Italia, Alpi austriache e le vaste pianure europee fino alla meta Polacca. Tutto con lo sponsor della Croce Gialla di Ancona sulla tuta.

Il connubio morale tra le due associazioni, nato prima della partenza (http://vivere.biz/aLut) si è compiuto con la consegna al direttore del museo del Campo dello stemma della Croce Gialla di Ancona, portato in omaggio dagli atleti del Pedale. Il gagliardetto verrà conservato presso il museo con gli stemmi delle altre associazioni che hanno voluto negli anni manifestare la propria solidarietà ed impegno nel ricordo.

La fine di un viaggio pieno di difficoltà ed emozioni, che si conclude con una profonda riflessione dei partecipanti, che ancora nelle divise rosso fuoco attraversano i viali incorniciati dal filo spinato del tristemente noto campo. A spiegarci perché è importante compiere un'impresa del genere sono i volontari della Croce Gialla, che fin dall'inizio hanno pubblicato i progressi dei ciclisti nel loro lunghissimo viaggio: “Siete stati grandi ragazzi, complimenti a nome di tutti i nostri volontari che , come voi, ogni giorno non si arrendono..mai!” Si legge nella pagina Facebook dell'associazione dorica, felice di riconoscere nella determinazione dell'impegno del Pedale lo stesso spirito che li anima nel loro servizio.


di Filippo Alfieri
redazione@vivereancona.it







Questo è un articolo pubblicato il 06-08-2017 alle 11:57 sul giornale del 07 agosto 2017 - 2292 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo, Filippo Alfieri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aLXe