Ricovero in reparto "Archivio". Risponde Direttore Salvi dall'azienda ospedaliera: "Non avevamo alternative"

Ancona 26/08/2017 - Non ci sarebbero state altre alternative al day hospital presso "l'Archivio". E' questo quanto risponde in sintesi dall'azienda ospedaliera Aldo Salvi, Responsabile SOD, Pronto Soccorso e Medicina d’Urgenza.

"La Signora CM dimessa il 18/08/2017 dal settore ordinario della medicina d'urgenza, è rientrata il giorno 22/08/2017 per eseguire un ulteriore accertamento. Prima dell'esecuzione dell'accertamento in questione erano richiesti degli esami ematologici che sono stati eseguiti, sostanzialmente all'arrivo. Nell'attesa dell'esito degli esami, come già dichiarato dai familiari, la Signora ha sostato in barella in una stanza archivio per circa 2 ore. Sicuramente il luogo non è da ritenersi il più adeguato, ma credetemi ieri mattina non avevamo alternative dopo che nel corso delle ultime ore erano stati effettuati dieci ricoveri urgenti. L'unica alternativa sarebbe stata rinviare l'esame, cosa che non ci è parsa corretta, considerate anche le condizioni della Signora. Quello che possiamo assicurare è che c'è stata assoluta buona fede nel trovare una soluzione altrimenti impossibile e che la Signora non é stata assolutamente dimenticata ed ha attuato tutto quanto era in programma. Quando si lavora in emergenza è da mettere in conto l'imprevisto, ma il surplus di ricoveri nelle ore precedenti il giorno in causa (mediamente 6,4 al giorno) quasi raddoppiati, non era immaginabile e non sarebbe stato giusto negare un ricovero urgente per lasciare un letto disponibile per "accertamenti" programmati. Noi abbiamo fatto questa scelta, sovraccaricando operatori e struttura e creando sicuramente disagio alla Signora e ai suoi parenti, ma ritengo che la scelta, al di là delle decisioni contingenti, sia condivisibile e debba rafforzare la fiducia dei cittadini nella struttura pubblica piuttosto che sminuirla. Ringraziamo comunque i parenti dalla Signora perché sicuramente le loro osservazioni serviranno a migliorare il sevizio e le attenzioni verso i nostri assistiti. Quello che ci dispiace è la strumentalizzazione per fini non sanitari o assistenziali che troppo spesso viene fatta di simili eventi: ma questo lo affidiamo al giudizio dei cittadini." Così commenta la vicenda il Direttore e Medico Aldo Salvi e il suo staff in merito alla denuncia di una cittadina.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-08-2017 alle 23:13 sul giornale del 28 agosto 2017 - 3293 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, lettera, denuncia, ricovero

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aMsJ





logoEV