Appeso sotto il TIR: il disperato tentativo di entrare in Italia di un Afghano

polizia 1' di lettura Ancona 03/09/2017 - Durante uno dei frequenti controlli che le Volanti di Polizia operano sui mezzi in uscita dal porto di Ancona, durante l'ispezione di un TIR, guardando sotto di esse gli Agenti di Polizia incorrevano nella più grande sorpresa: precariamente legato al telaio del automezzo un uomo ricambiava il sorpreso sguardo degli uomini in divisa.

Liberato dal improbabile posto passeggeri l'uomo, un Afghano di 26 anni veniva preso in custodia dalle Forze dell'Ordine, che procedevano prima di tutto a rifocillarlo, viste le precarie condizioni fisiche raggiunte del ragazzo in seguito al difficile viaggio clandestino.

Il ragazzo che in qualche modo si era imbarcato segretamente su un traghetto, aveva deciso di tentare in questo pericolosissimo modo di superare l'ultimo ostacolo che si frapponeva al suo sogno di mettere piede in Italia e quindi in Europa. Un'audacia che però non bastava ad eludere i controlli della Polizia che affidava il clandestino afghano alla locale Polmare per le procedure di respingimento attivo alla frontiera e il successivo rimpatrio.


di Filippo Alfieri
redazione@vivereancona.it





Questo è un articolo pubblicato il 03-09-2017 alle 19:42 sul giornale del 04 settembre 2017 - 937 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, articolo, Filippo Alfieri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aMFU