Uragano Irma, barricati in albergo a Miami. Scongiurato il peggio per gli studenti del Cambi Serrani e Rinaldini

11/09/2017 - Un uragano devastante che conta già numerose vittime e danni ha tenuto con il fiato sospeso professori e genitori del Cambi Serrani di Falconara Marittima, del Liceo Rinaldini di Ancona e non solo. Raffiche oltre i 200 km/h

Fiato sospeso per molte famiglie in apprensione per i loro ragazzi coinvolti in un viaggio studio a Miami in Florida. Sono infatti arrivati tre giorni fa nel bel mezzo della bufera accompagnati dal professore di Inglese Giuseppe Di Paola. L'uragano alla massima potenza (forza 5) che ha colpito la zona, e ancor prima devastato Cuba, non li ha risparmiati e hanno dovuto attendere barricati dentro l'albergo, dove si sono trasferiti, per ben due giorni che il maltempo passasse comunicando a singhiozzo con la scuola che è riuscita a tranquillizzare i genitori degli studenti anche grazie ad un gruppo WhatsApp.

Nessuna linea funzionante, solo alcuni messaggi dal professore. L'uragano che ha mietuto 5 vittime accertate con oltre 3 milioni di persone su 7 senza elettricità ha destato davvero preoccupazione sia nell'Istituto Cambi Serrani di Falconara Marittima che al Rinaldini di Ancona dove i ragazzi provengono. Solo ieri, a tre giorni dall'arrivo, si sono dovuti subire 12 ore ininterrotte di raffiche fortissime di vento ed ipotesi di allagamenti. "I ragazzi sono molto tranquilli e il professor Di Paola ha gestito l'emergenza in modo impeccabile" ha dichiarato la Dirigente del Cambi Serrani Stefania Signorini (in foto ndr) che ha dovuto confrontarsi insieme ai suoi collaboratori con il fronte dei genitori.

Oggi dopo giorni di maltempo pare che la situazione relativa al maltempo stia migliorando e l'apprensione nei confronti degli studenti stia scemando. "L'ansia si è dissipata" prosegue la Signorini, i ragazzi ora sarebbero fuori pericolo. Dopo il drastico allagamento del centro di Miami e la devastazione della spiaggia di Palm bay, l’ultima minaccia che porta l’uragano in questione è l’inondazione delle città lungo la costa occidentale della Florida. Il ciclone fortunatamente si sta muovendo a Nord, e dopo l’impatto di domenica con la terraferma tra Marco Island e Naples, sta perdendo forza.  


Il rientro ora? Dipenderà dal tempo. "I ragazzi sono attesi il 16 settembre prossimo, ma se il tempo dovesse peggiorare si anticiperà". Di fatto da oggi poi Miami comincerà a fare l'effettiva conta dei danni dovuti all'allagamento nel centro città, mentre l’aeroporto resterà chiuso fino a domani, martedì, e le scuole a tempo indeterminato.

Uno scatto che ritrae gli studenti e il professore. Clicca sotto l'immagine per ingrandire ndr

 







Questo è un articolo pubblicato il 11-09-2017 alle 16:52 sul giornale del 12 settembre 2017 - 4529 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, ancona, falconara marittima, scuole, vivere ancona, miami, liceo, laura rotoloni, cambi serrani, rinaldini, vivereancona.it, redazione@vivereancona.it, articolo, 2017, uragano irma

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aMUh