Coppa di consolazione a stelle e strisce per l'Italia?

Calcio generico Ancona 18/11/2017 - Passano i giorni ma la delusione per la mancata qualificazione ai mondiali (non capitava da ben 60 anni!) di Russia 2018 ancora non è stata del tutto smaltita dalla maggioranza degli italiani

Ovviamente il primo dispiacere è quello sportivo e di orgoglio patriottico ma in realtà un mondiale senza Italia significa pure un'occasione sociale mancata per rivedere i vecchi amici che si incontrano proprio in queste occasioni magari davanti ad un maxi schermo, mangiando e bevendo qualcosa insieme e facendo una scommessa collettiva sfruttando qualche offerta per i nuovi giocatori sui vari siti Internet specializzati come Bonus Eurobet Poker.

Non saranno i mondiali ma forse una piccola consolazione la prossima estate arriverà dagli Stati Uniti. Sembra infatti che la Major League Soccer stia pensando ad un particolare torneo con le squadre nazionali di maggior blasone che non parteciperanno all'evento russo.

Quella dell'Italia è sicuramente l'esclusione più illustre ma siamo comunque in discreta compagnia. L'idea nasce negli USA proprio perché anche la loro nazionale non è riuscita a qualificarsi nonostante negli ultimi anni il movimento calcistico a stelle e strisce sia stato in costante crescita.

Con USA e Italia, in Russia non ci sarà neppure l'Olanda. I mitici arancioni prima di Cruyff, poi dei "milanisti" Gullit, Van Basten e Rijkaard non hanno ottenuto il pass per i prossimi mondiali nonostante possano contare su tanti top player come Strootman, Depay e Sneijder.

Spostandoci in Africa, la grande esclusa è stata il Ghana che è stata campione d'Africa per ben quattro volte e che ugualmente può contare su ottimi calciatori in rosa tra cui Asamoah della Juventus e Acquah del Torino.

L'ultima illustre esclusa è il Cile per ben due volte campione del Sudamerica e tra le cui fila ci sono due top player di valore assoluto come Arturo Vidal ed Alexis Sanchez oltre ad altri giocatori di rilievo come Medel, Pinilla e Mati Fernandez.

Ovviamente si tratterà di una magra consolazione se il torneo prendesse forma. Sarebbe comunque utile per scoprire la nazionale del futuro che presto avrà il suo nuovo commissario tecnico. La gestione Ventura è stata fallimentare sotto ogni aspetto ed anche la conclusione del suo ciclo ha deluso anche sotto il profilo umano: niente dimissioni per ricevere l'ingaggio fino alla fine del contratto. Tutt'altro stile rispetto a Cesare Prandelli che dopo l'uscita dai Mondiali del 2014 al primo turno si dimise immediatamente nonostante il risultato ottenuto fosse ben migliore di quello di Ventura e dopo un eccellente Europeo nel 2012 perso solo in finale.

Lo stesso nel recente passato hanno fatto come Prandelli anche Dino Zoff nel 2000 dopo la finale degli Europei persa contro la Francia per il Golden Goal di Trezeguet e Giovanni Trapattoni quattro anni dopo l'eliminazione sempre agli Europei a causa del famoso "biscotto" fra Danimarca e Svezia.

Insomma una brutta pagina da dimenticare al più presto sperando di tornare a sognare notti magiche per la prossima edizione dei Mondiali, quelli del Qatar 2022 che per la prima volta nella storia non si terranno nel corso dell'estate ma alla fine dell'anno tra novembre e dicembre per via delle temperature più sopportabili.






Questo è un articolo pubblicato il 18-11-2017 alle 12:27 sul giornale del 18 novembre 2017 - 617 letture

In questo articolo si parla di sport, calcio, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aO4G





logoEV