La replica di Autorità Portuali sulla concessione della sala a Casapound

Ancona 26/11/2017 - In seguito alla Concessione di uno spazio a Casapound, per presentare un libro presso l'Auditorium della Fiera della pesca, in occasione della manifestazione che si terrà il 2 Dicembre, in un un’area dell’autorità portuale, attualmente gestita in concessione dalla ONLUS “Accademia di Babele”, è scaturita una lettera di protesta.

Giunge in serata la replica di Autorità Portuali alla lettera (link alla lettera) firmata da Csoa Asilo Politico, Spazio Comune Heva, Gruppo consiliare SEL – Ancona Bene Comune, ANPI, ARCI, Associazione Culturale Universitaria Gullive, FIOM, Partito Comunista Italiano, Sinistra Italiana, Possibile, Rifondazione Comunista, Circolo Culturale Laboratorio Sociale, Polisportiva Antirazzista Assata Shaku, COBAS Scuol, US, Ambasciata dei Diritti, Rivista Malamente:

Le normative in vigore non consentono all’Autorità di sistema portuale di avere un ruolo attivo o autorizzativo nei programmi di attività del concessionario, che si assume tutte le responsabilità civili e penali dell’esercizio degli spazi in concessione.

A scanso di equivoci, l'Autorità di sistema portuale non condivide e prende decisamente le distanze da qualsiasi iniziativa legata a temi dell'estremismo, che non si riconosce nei valori costituzionali, storici e culturali su cui si fonda la democrazia della Repubblica italiana.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-11-2017 alle 18:55 sul giornale del 27 novembre 2017 - 1025 letture

In questo articolo si parla di attualità, autorità portuale ancona, autorità Portuale di Ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aPjY