Maratona non stop per promuovere all’estero le imprese locali del food e del turismo

Vino,vini Ancona 26/11/2017 - Per più di un mese le Marche sono state presentate a buyer e giornalisti esteri nella loro veste migliore: partendo dai prodotti agroalimentari di qualità, di cui si sono raccontati storia e segreti, passando per l’accoglienza turistica dei borghi dell’entroterra fino alle bellezze naturali della riviera del Conero. Quindi la promozione verso i mercati esteri ha visto il settore agroalimentare complementare alla promozione turistica del territorio, amplificandone le potenzialità.

Ampi sorrisi e visi soddisfatti da parte dei buyer (23) e giornalisti (21) esteri e delle aziende locali partecipanti. “Incredibile scoperta le Marche con la loro altissima qualità del cibo e con un territorio bellissimo” – commenta Mario Abbamonte di “Aleardi - Delizie Culinarie” , buyer del food della Svizzera che per tre giorni ha visitato le aziende locali alla ricerca di qualità marchigiana da vendere nei supermercati e negozi delicatessen elvetici.

Per Gordana Gnesutta, direttrice di Marchet: “In queste settimane tanti progetti si sono susseguiti, è stata una lunga maratona che ci sta dando le prime soddisfazioni come l’entusiasmo dimostratoci delle aziende locali per aver potuto accogliere i buyer direttamente nelle strutture produttive e in quelle ricettive. Siamo sicuri che si firmeranno presto i primi contratti, così che già dalle prossime festività prodotti “made in Marche” si possano acquistare sui banconi dei negozi internazionali. Sempre nel periodo natalizio dovrebbero cominciare ad uscire articoli, reportage e servizi giornalistici nelle riviste turistiche internazionali.”

“Inoltre” conclude Massimiliano Santini, presidente di Marchet “il raggiungimento dei nostri ambiziosi obiettivi è stato possibile grazie alla fattiva collaborazione instauratasi tra Marchet e importanti partner istituzionali a partire dalla Regione Marche. Solo un assaggio di quel che sarà a partire dal 2018 grazie alla prevista riorganizzazione del Sistema Camerale che, costituendosi in unico organismo, potrà coordinarsi con l’Ente Regionale per valorizzare al meglio territori e tipicità delle cinque province marchigiane”

In sintesi, per gli incoming dei buyer del food dalla Corea del Sud, dal Regno Unito, Germania, Repubblica Ceca e Svizzera, per quelli dei giornalisti dagli USA e dalla Baviera, e per quello degli operatori turistici dalla Germania, sono state 62 le partecipazioni delle aziende del territorio.

La prossima iniziativa sarà l’incoming di 12 Master of Wine, uno dei titoli più importanti al mondo per le figure professionali specializzate nel settore vinicolo, provenienti da Francia, USA, Inghilterra e Spagna. Dal 30 novembre al 3 dicembre approfondiranno la conoscenza di Verdicchio di jesi e Matelica, Rosso Conero, Pecorino, Passerina e tanti altri vini marchigiani. Un fitto programma porterà gli esperti internazionali a partecipare a master class, a degustazioni e a piccoli tour nell’entroterra anconetano.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-11-2017 alle 17:22 sul giornale del 27 novembre 2017 - 548 letture

In questo articolo si parla di vino, economia, vini, Camera di Commercio di Ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aPjt





logoEV
logoEV