Psichiatria nelle Marche, fragile il 2% della popolazione

2' di lettura Ancona 27/11/2017 - I cittadini con fragilità psichica nella regione Marche sono il 2 per cento.

A livello nazionale sono stati elaborati, dal ministero tutela della salute, i dati fondamentali della situazione della salute mentale nel nostro paese. A differenza di altri momenti abbiamo deciso, univpm – regione marche – associazionismo di cittadinanza per la salute mentale (trsm), di parlarne in un unico confronto e non più in momenti separati. La posizione della regione marche in tale materia ha necessità di essere letta per affrontare i dovuti correttivi che dovranno essere messi in campo, senza i quali le condizioni degli utenti e dei loro familiari scadrebbero in situazioni di degrado e di abbandono che sconfesserebbero la scelta irreversibile fatta nel maggio del 1978 con la legge 180 a cui è collegata la cultura basagliana della cassazione dei manicomi, convalidata ancora nel 2011 dall’OMS, e fatta propria dall’UE e dall’intera regione europa con il documento approvato in Turchia nel 2013. L’Italia ha disciplinato tutto ciò con normative precise per tutte le regioni nella conferenza unificata stato - regioni province autonome - del 13 novembre 2014. La giornata dei lavori del convegno indicherà analiticamente i fondamentali delle risorse in campo oggi anche nelle marche e toccherà per questo alcuni punti che caratterizzano la società odierna in delicati suoi aspetti pericolosamente scoperti – età alta e attenzione a quella evolutiva e teenager, distribuzione dei servizi organizzativi sul territorio, riflessioni del consiglio regionale, disegno di legge depositato in senato sulla salute mentale, eliminazione degli OPG e istituzione delle REMS, cratere del sisma recente marchigiano e psichiatria, presenza della scuola di specializzazione di psichiatria in univpm, casi di buone pratiche, e il che fare subito verso la seconda conferenza regionale sulla salute mentale visto che la prima è stata fatta nel lontano luglio del 2009.

Chiediamo ai referenti dei media, tv – giornali – radio, di evidenziare dovutamente tali cose e di seguire il convegno del 30 novembre con attenzione per dire poi all’opinione pubblica come realmente stanno le cose. Del resto la Carta di Trieste del giugno 2010 ha indicato il codice etico tra giornalisti e salute mentale. Un solo dato indicativo: i cittadini con fragilità psichica nella regione Mrche sono il 2 per cento della popolazione intera, ciò vuol dire 30 mila cittadini con diritto di parola che spesso non ne hanno, e rapportato ciò al coefficiente familiare regionale rappresentano una città equivalente della grandezza di ancona che vive ininterrottamente tali fragilità.

TRSM - marche






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-11-2017 alle 21:36 sul giornale del 28 novembre 2017 - 933 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aPmB





logoEV