Aato Marche e Ata Rifiuti, i cambiamenti climatici ed il servizio idrico nella provincia di Ancona

Ancona 12/12/2017 - Alla presentazione del report annuale anche lo stato dei rifiuti.

Siccità, precipitazioni sporadiche e tempestose, lunghi periodi senza piogge. La presentazione della Relazione Annuale sullo stato del servizio idrico in programma ad Ancona il prossimo 15 dicembre evidenzia come il pericolo per la disponibilità della risorsa venga soprattutto dal cielo. “Nel nostro territorio di competenza, in un’estate da record per la penuria di precipitazioni come quella passata – ha detto Andrea Bomprezzi, sindaco di Arcevia - che ha recentemente assunto la carica di presidente dell'AAto n. 2 “Marche centro - Ancona” – i cittadini non hanno subito evidenti conseguenze come in altri territori nei quali si è giunti fino al razionamento. Grazie alle sorgenti sotterranee ed a scelte gestionali corrette abbiamo contenuto le criticità, ma va posta una riflessione seria sulla necessità di migliorare ulteriormente la resilienza del sistema”.

Questa e tante altre tematiche inerenti lo stato del servizio nel territorio della provincia di Ancona saranno approfondite nel corso della presentazione in programma venerdì 15 dicembre dalle ore 9.30 ad Ancona, nella sala del Consiglio del Comune di Ancona a Palazzo degli Anziani.

Il servizio idrico in generale sta vivendo un momento positivo e oggi è, fra i servizi pubblici locali, quello che cresce maggiormente in termini di investimenti realizzati grazie ad una stabilità sistemica garantita da un quadro normativo chiaro, un miglior rating del settore e maggiore disponibilità da parte degli istituti di credito. I cambiamenti climatici in corso comportano tuttavia la necessità di adottare scelte di adattamento e mitigazione in una ottica di economia sempre più circolare. Il territorio su quale opera l’Ata Rifiuti riguarda un bacino di circa 463mila abitanti. Secondo i dati Ispra, la produzione di rifiuti in Italia è in crescita ed anche nelle Marche il trend è crescente. Anche la raccolta differenziata ha dati in crescita e nelle Marche sfiora il 60%, vicina all’obiettivo del 65% contro il 52,5% del dato nazionale. In netto calo il tonnellaggio dell’indifferenziato. “Abbiamo accolto col favore l’invito dell’Aato ad organizzare un evento congiunto di presentazione del report – ha detto la presidente dell’Ata Rifiuti Liana Serrani - convinti di offrire ai cittadini una panoramica completa su due servizi fondamentali come quello dell’acqua e della gestione dei rifiuti. Dalla presentazione dei dati e dalle riflessioni che faremo, ci sarà materiale di discussione per continuare a crescere nella qualità del servizio e delle performance”.

Il programma completo prevede l’apertura lavori del presidente Andrea Bomprezzi, la relazione sullo stato del Servizio Idrico nell’Ambito Territoriale Ottimale n.2 del Direttore Massimiliano Cenerini. Quindi seguiranno gli interventi di Liana Serrani, presidente dell’Ata Rifiuti e la relazione sullo stato del Ciclo integrato dei Rifiuti di Matteo Giantomassi, Responsabile del Servizio comunicazione istituzionale e relazioni esterne dell’Ata Rifiuti. Le conclusioni saranno affidate a Marisa Abbondanzieri, Presidente dell’Associazione Nazionale Autorità ed Enti di Ambito – ANEA.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-12-2017 alle 16:06 sul giornale del 13 dicembre 2017 - 732 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aPOe