Ancora una motovedetta dorica impiegata nel Canale di Sicilia

Guardia Costiera 11/01/2018 - Ieri alle ore 23 è partita, dal porto di Ancona, la motovedetta CP285 dislocata nel porto di Ancona, per prendere parte, per la 3ª volta nell’arco dell’ultimo quadriennio, al dispositivo di sicurezza e salvaguardia della vita umana in mare, della 7ª Squadriglia della Guardia Costiera a Lampedusa.

L’unità, al comando del 1° Maresciallo Massimo CAPANO, con 9 persone di equipaggio, si unirà alle altre unità navali, già di base a Lampedusa, per fornire il proprio contributo, alle dirette dipendenze del Comando generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera – che dalla Centrale Operativa di Roma, coordina le attività operative nel Canale di Sicilia.

Il personale imbarcato, pronto e addestrato per far fronte alle attività di pattugliamento e ricerca in mare, ha dichiarato che l’esperienza nel Canale di Sicilia è unica nel suo genere, di forte impatto emotivo.

La Motovedetta CP285, predisposta per attività di pattugliamento e ricerca e soccorso d’altura anche in situazioni particolarmente complesse ed in condizioni meteomarine anche sfavorevoli, è in grado di operare a grande distanza dalla costa, grazie alla notevole autonomia ed ai sofisticati sistemi di scoperta, controllo e di telecomunicazione in dotazione.

Il suo rientro ad Ancona è previsto nei primi giorni di aprile.

Il Direttore Marittimo delle Marche – Contrammiraglio Francesco Saverio FERRARA, durante l’ultima riunione operativa, ha voluto rivolgere un personale saluto a tutto l’equipaggio ed augurare “Buon vento” per l’importante missione di salvaguardia della vita umana in mare.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-01-2018 alle 19:43 sul giornale del 12 gennaio 2018 - 509 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, direzione marittima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aQBO