Alberto Clô incontra studenti e imprese per parlare di “Energia e Clima”

Ancona 12/03/2018 - Alberto Clô incontra studenti e imprese per parlare di “Energia e Clima” giovedì 15 marzo alle ore 11:00 in Aula Magna. Clô, uno dei maggiori esperti di energia a livello internazionale, rifletterà anche su energia e mercato, sulle prospettive post elezioni e sulla situazione marchigiana.

Giovedì 15 marzo alle ore 11:00 presso l’aula Magna di Ateneo dell’Univpm, nel polo Monte Dago di Ancona, si terrà l’incontro con Alberto Clô che presenterà a studenti e imprese il suo ultimo libro “Energia e clima, l'altra faccia della medaglia” pubblicato dalla casa editrice Il Mulino di Bologna nella collana Saggi. Anche alla luce degli esiti elettorali, cosa ci si può attendere della riforma del mercato retail dell'energia? Dopo il forte sostegno alle rinnovabili è plausibile attendersi una nuova era di sostegno all'auto elettrica e alle relative infrastrutture? Il mercato dell'energia rappresenta opportunità di investimento per gli operatori privati? L’ambiente e il clima rappresenteranno (ancora) un costo o un investimento per imprese? Queste sono solo alcune delle domande che saranno rivolte a Clô, uno dei maggiori esperti di energia a livello internazionale, nella consapevolezza che a toglierci dai guai sarà la tecnologia ma che sarà necessario anche un profondo cambiamento del nostro sistema di valori. Con l’autore si rifletterà anche della situazione marchigiana.

Discuteranno con l'autore Luca Ceriscioli presidente della Regione Marche, Sauro Longhi Rettore Unvipm e Marco Marcatili Economista Nomisma. L'autore Alberto Clô, è uno dei maggiori esperti di energia a livello internazionale, già professore ordinario di Economia Applicata, è direttore della Rivista «Energia». È stato Ministro dell’Industria e del Commercio con l’estero nel Governo Dini (1995-96). Con il Mulino ha pubblicato «Il rebus energetico» (2008) e «Si fa presto a dire nucleare» (2010). Il libro Energia e clima Sottoscritto a fine 2015 da 196 Stati, l’Accordo di Parigi costituisce un grande risultato politico-diplomatico per un’azione congiunta nella lotta al surriscaldamento globale. Le cose non stanno andando tuttavia come promesso. Quello che gli Stati stanno concretamente facendo è niente rispetto a quel che sarebbe necessario fare, col rischio che Parigi non rappresenti una svolta storica ma solo parole al vento. Nel libro si analizzano i passati cicli di sostituzione delle fonti energetiche, le difficoltà da superare, i costi da sostenere, i lunghi tempi per pervenire all’utopica società zero-carbon. Nella consapevolezza che a toglierci dai guai sarà la tecnologia ma che sarà necessario anche un profondo cambiamento del nostro sistema di valori.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-03-2018 alle 18:28 sul giornale del 13 marzo 2018 - 356 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aSzC





logoEV
logoEV