Accordo tra TIM e Università Politecnica delle Marche

13/04/2018 - È stato siglato l’accordo tra TIM e Università Politecnica delle Marche per la realizzazione e l’uso di un laboratorio congiunto ad elevata specializzazione.

La ricerca viaggia veloce per lo studio della propagazione elettromagnetica nei vari scenari di utilizzo della telefonia mobile. Ancona 13 aprile 2018 - È stato siglato l’accordo tra TIM e Università Politecnica delle Marche per la realizzazione e l’uso di un laboratorio congiunto ad elevata specializzazione. Lo scopo è la replicazione in laboratorio di scenari di propagazione outdoor ed indoor realistici di interesse per la telefonia mobile e le sue applicazioni. La ricerca viaggia veloce per lo studio della propagazione elettromagnetica nei vari scenari di utilizzo della telefonia mobile, in casa, a lavoro, in viaggio e durante gli eventi. In tal senso, TIM ha collegato alla camera riverberante elettromagnetica, in uso presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DII), una stazione radio base Nokia LTE 4G di ultima generazione pienamente operativa e collegata in fibra ottica alle rete esterna TIM. Il laboratorio così configurato, ed integrato da matrici attive di attenuazione dell’azienda tedesca Rohde & Schwarz, è unico nel suo genere in quanto utilizza una vera stazione radio base e non un simulatore, come avviene negli altri laboratori universitari ed industriali in Europa e nel mondo. L’ambiente controllato così ottenuto permetterà a TIM di analizzare e di ottimizzare i parametri e le strategie di accesso alla rete LTE 4G e, in un prossimo aggiornamento, anche 5G. In pratica la nuova tecnologia per la trasmissione dati su rete mobile LTE 4G (Long Term Evolution) permette di navigare tramite Smartphone ad alta velocità, rendendo disponibili servizi e contenuti multimediali ad alta definizione in mobilità. Il 4G offre prestazioni e livelli di servizio che migliorano sensibilmente l’esperienza della navigazione Internet e l’utilizzo di contenuti multimediali (film, calcio, musica, giochi, libri) e l’accesso alla Cloud. UNIVPM da parte sua avrà la possibilità di sviluppare questa tematica emergente nelle strutture di ricerca a livello internazionale. L’accordo così formalizzato è frutto di una collaborazione tra TIM e UNIVPM iniziata nel 2013 grazie all’impegno dei professori Valter Mariani Primiani e Franco Moglie, del DII, e dell’Ing. Davide Micheli di TIM. Ad oggi sono state prodotte 5 pubblicazioni su riviste internazionali altamente quotate dai data base di riferimento dell’ANVUR, 5 comunicazione a congressi internazionali ugualmente quotati e 7 tesi di laurea. L’attività ha consentito e consentirà quindi di assolvere le missioni peculiari dell’Università, che sono la ricerca, la didattica, e la collaborazione con realtà aziendali che operano sul territorio. Le foto del laboratorio TIM-Univpm.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-04-2018 alle 23:28 sul giornale del 14 aprile 2018 - 913 letture

In questo articolo si parla di attualità, università, università politecnica delle marche, ancona, univpm

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aTAH