Assalto al furgone blindato in A14. A fare luce sul caso la Scientifica, vagliati centinaia di biglietti autostradali

16/05/2018 - Sono stati i centinaia di biglietti autostradali vagliati dal Gabinetto di Polizia Scientifica di Ancona a fare luce sull'assalto criminale al furgone blindato in A14 tra i caselli di Ancona Sud e Loreto. Dopo le perquisizioni la polizia rende noto le speciali tecniche.

Il Gabinetto Interregionale di Polizia Scientifica per le Marche e l'Abruzzo di Ancona, diretto dal Vice Questore Massimiliano Olivieri, ha messo a segno un significativo risultato di investigazione scientifica, effettuato dal proprio Laboratorio di Evidenziazione Impronte Latenti, effettuando in tempi strettissimi, su delega della Procura della Repubblica di Ancona, l'accertamento sull'identità di un indagato coinvolto nell'assalto criminale al furgone blindato in A14, del settembre 2015. L'esito positivo di questo complesso lavoro investigativo - che ha portato alle perquisizioni - è stato reso noto in questi giorni dalla Questura di Ancona.

Nello specifico il laboratorio della Scientifica ha dapprima trattato chimicamente diverse centinaia di biglietti autostradali, selezionati dagli investigatori dalla locale Squadra Mobile, ricercando eventuali impronte latenti presenti, acquisendone quindi le immagini, per la ricerca nel sistema AFIS ed ottenendo quel match positivo che ha dato impulso alla successiva azione investigativa.

Anche l'Area Balistica del GIPS di Ancona (Gabinetto Interregionale di Polizia Scientifica) è stata particolarmente impegnata nell'analisi delle armi e delle traiettorie di impatto dei proiettili sul furgone blindato. Gli ulteriori accertamenti svolti con la Sezione Balistica e residui dello Sparo del Servizio Polizia Scientifica di Roma hanno consentito di individuare altri importanti elementi di prova, ponendo in relazione gli assalti armati avvenuti in diverse località italiane. Un altro caso di perfetta sinergia con gli uffici investigativi e di professionalità nel lavoro tecnico forense del Gabinetto di Polizia Scientifica di Ancona che lo ha visto impegnato dal complesso sopralluogo iniziale (fondamentale per la riuscita della successiva attività di accertamento tecnico) al Laboratorio Chimico, all'Area identità Giudiziaria e alla balistica.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-05-2018 alle 18:22 sul giornale del 17 maggio 2018 - 865 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, ancona, vivere ancona, polizia scientifica, laura rotoloni, vivereancona.it, redazione@vivereancona.it

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aUCw