Decreto Dignità: Mencarelli (Confapi Ancona) “Tuteliamo i posti di lavoro prima ancora che i lavoratori”

Ancona 05/07/2018 - “Il dibattito legato al “Decreto Dignità” varato dal governo si è orientato, a nostro avviso, troppo su questioni di principio piuttosto che di sostanza. Noi siamo per tutelare i posti di lavoro prima ancora che i lavoratori”

ANCONA – “Il dibattito legato al “Decreto Dignità” varato dal governo si è orientato, a nostro avviso, troppo su questioni di principio piuttosto che di sostanza. Noi siamo per tutelare i posti di lavoro prima ancora che i lavoratori”.

Così Michele Mencarelli, Presidente di Confapi Ancona, associazione di imprese con circa 400 iscritti, ha commentato il provvedimento del governo.

“I risultati prodotti dal Jobs Act in termini di tasso di occupazione e di misura di contrasto alla crisi del lavoro hanno contribuito ad intercettare la ripresa. “A nostro avviso va valutato anche se la congiuntura economica tornata favorevole dopo il periodo più buio del dopoguerra abbia favorito anche il successo di uno strumento del genere” – ha aggiunto Mencarelli.

“Noi imprenditori vogliamo avere in azienda risorse preparate e motivate per lavorare tutti nella direzione di rendere sempre più competitivi i prodotti ed i servizi che mettiamo sul mercato e con la logica di onorare gli impegni con tutti i dipendenti. Se l’azienda è in salute siamo più che felici di assumerne degli altri. Ecco quindi che la meritocrazia è un nodo fondamentale. Il timore è che misure troppo conservative in uscita finiscano per penalizzare proprio quei posti di lavoro che dovrebbero essere nella disponibilità di coloro che hanno le competenze e le capacità per ricoprire la mansione” – ha concluso il presidente di Confapi Ancona.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-07-2018 alle 17:03 sul giornale del 06 luglio 2018 - 690 letture

In questo articolo si parla di lavoro, confapi ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aWjw





logoEV