Pubblicato il nuovo rapporto CNA su “Comune che vai, fisco che trovi”

Cna Ancona 17/07/2018 - Ahia le tasse, che dolor! Pubblicato il nuovo rapporto annuale dell’Osservatorio permanente Cna sulla tassazione delle Pmi, “Comune che vai, fisco che trovi” che analizza in totale 137 comuni italiani

Balza subito all’occhio, per quanto riguarda i comuni della provincia di Ancona esaminati, che fanno tutti un piccolo passo indietro, posticipando la data del tax free day rispetto a quella dello scorso anno, ovvero il giorno in cui l’imprenditore smette di guadagnare per pagare le tasse e finalmente ne trae un profitto per se e per la propria famiglia.

Ma andiamo con ordine. I comuni indagati della provincia di Ancona sono: Jesi, Fabriano, Osimo, Ancona, Senigallia, Falconara. L’ordine non è casuale, ma segue, dal migliore al peggiore, il posizionamento nella classifica provinciale della data del tax free day: le più “virtuose” Jesi e Fabriano il 30 luglio, Osimo il 1 agosto, Ancona il 5 agosto, Senigallia l’11 agosto, e il solito fanalino di coda a cui va la “maglia nera” Falconara con un tax free day che cade il 16 agosto.

Tutte in lieve peggioramento rispetto alla data dello scorso anno (di uno o due giorni ).

E il comune di Falconara è fanalino di coda anche nella classifica generale dei 137 comuni indagati, con un total tax rate pari a 62,7% che lo pone al 95° posto in graduatoria nazionale (peggiorando, rispetto allo scorso anno, di due posizioni).

Stabili Jesi e Fabriano che si confermano al 27° posto, perde una posizione Osimo che scende dal 31° al 32° posto, stabile Ancona al 45°, peggiora anche Senigallia che dal 76° posto scende al 78°.

Liberarsi dal fisco il 30 luglio (come Jesi o Fabriano) o il 16 agosto (come Falconara), produce una differenza: nei primi due comuni, l’imprenditore lavora 212 giorni per pagare i tributi e 153 per i consumi familiari; a Falconara lavora 229 giorni per il fisco e 136 per se stesso.

“Sembrano numeri di poco conto? Sicuramente non lo sono – dice Massimiliano Santini, direttore Cna Territoriale Ancona – pensiamo infatti che alla fine dei conti, anzi, alla fine delle tasse…nei comuni della provincia di Ancona per pagare il fisco le imprese lavorano fino allo stop feriale. Togli le ferie… resta solo la fine dell’anno per intascare qualcosa per i consumi familiari!”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-07-2018 alle 21:33 sul giornale del 18 luglio 2018 - 451 letture

In questo articolo si parla di economia, artigianato, cna, cna ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aWIe





logoEV