Falconara: Il sopralluogo alla raffineria individua alcune criticità

07/08/2018 - Sei ore tra gli impianti per i tecnici di vigili del fuoco, Regione, Arpam e Comune che hanno controllato otto serbatoi insieme a un militare della Capitaneria

E’ durato circa sei ore il sopralluogo all’interno della raffineria Api di Falconara, affidato a un gruppo di lavoro di cui fa parte anche un ingegnere del Comune falconarese e disposto dal Comitato tecnico regionale dei vigili del fuoco, per verificare il rispetto delle prescrizioni impartite dallo stesso Ctr dopo l’incidente dell’11 aprile al serbatoio TK61. Durante il monitoraggio all’interno dello stabilimento, cominciato alle 8.30 di questa mattina, sono state notate alcune situazioni critiche. Queste saranno comunicate al Ctr, che farà approfondimenti e valuterà le eventuali misure da adottare. Il gruppo di lavoro incaricato di compiere le verifiche dal Comitato tecnico regionale è composto da due ingegneri dei vigili del fuoco, da un ingegnere della Regione Marche, da un rappresentante della Capitaneria di Porto, da un ingegnere dell’Arpam, oltre che un funzionario del Comune di Falconara. Dopo i controlli sul campo, i tecnici hanno chiesto di esaminare i documenti della manutenzione e della conduzione degli impianti. I sopralluoghi sono cominciati il 5 luglio e quello di oggi era il terzo programmato. Sono stati passati in rassegna otto serbatoi (non il TK61, che è ancora sotto sequestro) alla presenza di responsabili e tecnici della raffineria. Il sindaco Stefania Signorini, che parteciperà al prossimo tavolo del Comitato tecnico regionale del 23 agosto, si riserva di commentare l’esito del controllo dopo la riunione tecnica.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-08-2018 alle 19:17 sul giornale del 08 agosto 2018 - 1903 letture

In questo articolo si parla di attualità, falconara marittima, Comune di Falconara Marittima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aXlZ