Pitralacroce: ostaggi al cimitero per un’ora. Brutta disavventura per mamma e figlia

Ancona 09/08/2018 - Prigioniere del cimitero per un’ora. Colpa del custode che ha chiuso i cancelli senza accorgersi della presenze di due donne all’interno del recinto.

ANCONA - Prigioniere del cimitero per un’ora. Colpa del custode che ha chiuso i cancelli senza accorgersi della presenze di due donne all’interno del recinto. E’ accaduto attorno alle 19 al cimitero di Pietralacroce. Un’anconetana e l’anziana madre erano andate a pregare sulla tomba dei propri cari quando, tornando verso l’auto, si sono rese conto di essere in trappola. Il cancello dell’ingresso principale era chiuso a chiave, ma fortunatamente avevano con sé un cellulare per chiamare i soccorsi. Subito sul posto è intervenuta una pattuglia della polizia municipale, ma l’intervento non è stato semplice perché la chiave non si trovava e nemmeno i responsabili della struttura, irreperibili. Così i vigili hanno dovuto scomodare l’ex custode del cimitero, che in qualche modo li ha aiutati a liberare madre e figlia, ostaggi a Pietralacroce per più di un’ora.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-08-2018 alle 23:39 sul giornale del 10 agosto 2018 - 1633 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, Chiuse al cimitero

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aXqw