Mezzavalle, Rubini (AIC):" Garantire pubblica fruizione nel rispetto delle regole"

Ancona 12/08/2018 - Come ogni estate torna caldo il tema Mezzavalle, spiaggia tanto pregiata quanto costantemente al centro del dibattito cittadino

Puntualmente, anche quest'anno, molti tornano a chiedersi che fare di un paradiso di tale bellezza a fronte degli ennesimi episodi di abusi perpetrati sull'arenile da parte dei soliti incivili incapaci di comprendere qualsiasi concetto legato al rispetto della natura e al quieto vivere comune.

Come movimento politico continuiamo a pensare che Mezzavalle debba rimanere libera da ogni speculazione privata, bella nella sua natura selvaggia, ma siamo altrettanto convinti che non possa diventare terreno quotidiano di scorribande foriere di caos , sporcizia e disturbo.

Occorre un impegno maggiore da parte dell'amministrazione comunale, a partire dai sevizi, dalla manutenzione dello stradello e sopratutto sul fronte dei controlli praticamente assenti.

Occorre inoltre un nuovo forte movimento di opinione su Mezzavalle che rimetta al centro il tema della sua tutela e della sua valorizzazione, responsabilizzando di nuovo cittadinanza e turisti.

Il lavoro fatto in quel luogo ormai da anni da parte del Comitato di Mezzavalle Libera rappresenta un presidio imprenscindibile da cui ripartire con maggiore slancio: abbiamo una vero tesoro da preservare, dobbiamo farlo tanto contro chi ne vorrebbe fare una "Portonovo 2", quanto contro chi ne vorrebbe fare il giardino di casa sua.


da Francesco Rubini
 
capogruppo Altra Idea di Città





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-08-2018 alle 21:31 sul giornale del 13 agosto 2018 - 526 letture

In questo articolo si parla di politica, Francesco Rubini, altra idea di città

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aXud