Suonava ai campanelli per vedere se ci fosse qualcuno in casa. Presa scassinatrice in via Ascoli

Ancona 12/08/2018 - Agosto è periodo di ferie e molti ne approfittano per una meritata vacanza lontano da casa, altri per tentare di introdursi nelle case vuote

È il caso della giovane donna Croata di 20 anni, notata fagli uomini della Volante di Polizia della Questura di Ancona percorrere via Ascoli Piceno, tra il Piano e Posatora, suonando sistematicamente a tutti i campanelli presenti sulla via. Quando qualcuno rispondeva all’apparecchio la donna accampava le più diverse scuse “Abitano qui i miei amici?” “Nel palazzo c’è una casa in vendita?” “c’è un parrucchiere in questo palazzo”. Gli Agenti della volante non perdevano d’occhio la donna, il cui comportamento era ben più che sospetto, senza però intervenire, in attesa che la scassinatrice dimostrasse le sue vere intenzioni.

Un’attesa che durava poco, infatti la ragazza, trovato un portone aperto sulla via vi si introduceva, senza essersi accorta di essere seguita dagli uomini in divisa. Raggiuntala su un pianerottolo gli Agenti trovavano la donna intenta a suonare l’ennesimo campanello della giornata, questa volta della porta di casa di uno sconosciuto, ponendo la mano di fronte allo spioncino per non essere riconosciuta da eventuali inquilini ancora in casa. Fermata dagli Agenti la Croata veniva trasportata in Questura per essere identificata.

Negli uffici della Questura la 20enne continuava a sostenere di star cercando una casa da acquistare, ma dalla perquisizione emergevano gli inconfutabili “ferri del mestiere”. Occultati tra i vestiti, arrotolati in un paio di calzini da usare come guanti per non lasciare impronte, cacciaviti e chiavi inglesi, mentre dagli slip emergeva una scatolina in plastica, solitamente utilizzata dagli scassinatori. Interrogata sulla peculiare imbottitura dei vestiti la ragazza asseriva che tali strumenti le servivano in quanto aveva intensione di dedicarsi a dei lavori di meccani. Una versione che visto il contesto non poteva convincere gli inquirenti della Questura, che denunciavano la giovane per posso ingiustificato di chiave e grimaldelli e alla quale notificavano il provvedimento del divieto di ritorno nel Comune di Ancona.


di  Filippo Alfieri
redazione@vivereancona.it







Questo è un articolo pubblicato il 12-08-2018 alle 12:18 sul giornale del 13 agosto 2018 - 2280 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, Filippo Alfieri, Polizia Questura di Ancona volanti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aXtw