Alcol senza limiti, una notte difficile per la Croce Gialla

Ancona 14/08/2018 - Nelle calde notti d’estate è piacevole godersi l’aria notturna della città, magari con un amico e con in mano un drink, ma qualcuno tende a esagerare fino a mettere in pericolo la propria incolumità, necessitando poi gli opportuni soccorsi

Così è stato per una coppia di trentenni provenienti dal Bangladesh, che avevano pensato di godersi il lunedì sera sulla spiaggia di Palombina, con una bottiglia di Vecchia Romagna a fargli compagnia. Entrambi subivano pericolosamente gli effetti della notevole quantità di alcol assunto, ma mentre un dei due ragazzi rimaneva placido accettando di essere soccorso dai Militi della Croce Gialla di Ancona, chiamati per aiutare i due ragazzi in evidente stato di alterazione, l’altro alla vista dei sanitari perdeva ogni controllo, esaltato e onnubilato dai fumi dell’alcol.

Correndo e schivando i soccorritori della Croce Gialla e i Carabinieri accorsi sul posto, il bangladese ubriaco si dava a improbabili evoluzioni, lanciandosi prima in acqua e poi rotolandosi a terra, “impanandosi” a mo’ di cotoletta nella sottile sabbia di Polombina. Finalmente placcatolo i Militi potevano trasportarlo, assieme al più discreto ma sempre ubriaco compagno di bevute, all’ospedale di Torrette per riprendersi dalla pericolosa sbornia.

Era le 24 quando la Croce Gialla veniva invitata dal centralino del 118 a soccorrere un ubriaco in piazza Rosselli. Giunti di fronte la stazione i Militi si trovavano davanti il lavavetri che avevano soccorso appena 5 ore prima per una ferita alla gamba rimediata da un collega (LINK). Questa volta il rumeno veniva trasportato all’Ospedale di Torrette, dove poteva finalmente essere medicato per la bottigliata alla gamba oltre che ricevere il trattamento per l’abuso di alcol, al termine di una terribile giornata.

Giornata che terminava in maniera peculiare anche per un residente in via Orsi, he tornando alle 3 di notte alla sua abitazione trovava un ragazzo Ghanese dormire ubriaco sullo scalino del portone di casa. Essendo l’ubriaco insensibile ad ogni stimolo esterno l’uomo decideva giustamente di chiamare i soccorsi e ancora una volta la Croce Gialla trasportava all’Ospedale di Torrette l’ennesimo ubriaco della serata, dove il 25enne del Ghana poteva riprendersi dalla pericolosa quantità di alcol assunta.


di  Filippo Alfieri
redazione@vivereancona.it





Questo è un articolo pubblicato il 14-08-2018 alle 13:35 sul giornale del 15 agosto 2018 - 901 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, Filippo Alfieri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aXwc





logoEV
logoEV