Urban Cooperation: Ancona e Ikoma (Giappone) per un piano d'azione locale

Ancona 21/08/2018 - IUC- Urban Cooperation: una delegazione di Ikoma (Giappone) restituirà in ottobre la visita effettuata dal gruppo comunale anconetano nell'aprile scorso. L'obiettivo è sviluppare un Piano d'azione locale con priorità condivise

e verificare sul campo le azioni intraprese- tra amministrazioni comunali di Paesi molto distanti non solo dal proprio ma anche dal contesto europeo- rappresenta una occasione importante di crescita e sinergia nonché una formidabile opportunità per rivedere in senso migliorativo l'organizzazione di servizi e programmi attivati in ambito locale. E' questo l'obiettivo che anima il programma di Cooperazione Internazionale urbana dell'Unione Europea -IUC- nell'ambito del quale si inserisce il Comune di Ancona, con il progetto di urban cooperation preparato dall'Ufficio Programmi Comunitari della Direzione Finanze e prescelto dalla Commissione europea tra centinaia in Europa e che ha portato quattro funzionari del Comune dorico a partecipare nell'aprile scorso ad una visita di 4 giorni alla città di IKOMA, che è stata abbinata ad Ancona.

Una delegazione dell'Amministrazione comunale della città nipponica- che ha la stessa dimensione demografica e presenta svariate affinità con il capoluogo marchigiano - restituirà la visita dal 3 al 6 ottobre, effettuando sopralluoghi di studio, corsi di formazione e seminari, concorrendo – come già avvenuto in terra giapponese nei mesi scorsi- a sviluppare congiuntamente un Piano d'azione locale contenente le priorità condivise e le azioni concrete da realizzare per promuovere lo sviluppo sostenibile nell'area selezionata.

programma della U.E. ha difatti la finalità di favorire collegamenti tra città dell'Unione e di altri continenti. Per il bando 2017 sono stati selezionati 5 centri europei: Ancona, Ioannina (Grecia), Essen (Germania), Francoforte (Germania) e Donostia/S.Sebastian (Spagna) e altrettanti dell'Asia : Hirosaki, Koriyama, Yokohama, Ikoma e Ichinomiya, tutte città del Giappone.

La reciproca conoscenza e la presa d'atto delle misure adottate dalle due municipalità– hanno spiegato i quattro funzionari che hanno partecipato alla visita conoscitiva in aprile, Francesco Buoncompagni (Politiche comunitarie), Claudio Centanni (Pianificazione e Ambiente), Daniela Ghiandoni (Politiche finanziarie) e Maria Rita Venturini (Politiche sociali) è funzionale allo scambio di buone prassi e alla definizione di piani di azione congiunti rispetto, in particolare, ai due macro temi che sono stati definiti: clean energy e social inclusion - healthy cities.

visitare edifici pubblici, istituti scolastici, centri per anziani e disabili, nonché istituzioni culturali dalle potenzialità turistiche, nell'entrare in contatto con rappresentanti del terzo settore e stake-holders, la delegazione anconetana- accolta e intrattenuta sulla base di una agenda fitta di impegni, organizzata con estrema efficienza- ha concentrato la sua attenzione sulle misure coerenti con quelle promosse dal Comune di Ancona, alla base del progetto internazionale di scambio.

Molto efficaci- hanno riferito- le visite e i briefing dedicati al funzionamento del sistema educativo e di quello dei servizi sociali giapponesi e il focus sull'organizzazione del bilancio comunale. A colpire i visitatori, la forte attenzione riservata da amministratori e cittadini di Ikoma (città sorta negli anni Settanta) all'ambiente e in particolare al risparmio energetico, all'uso di mezzi ecologici e al decoro e pulizia degli ambienti, questioni che vedono l'intera comunità fortemente motivata e partecipe.

con puntualità e massima disponibilità dal sindaco e dagli altri amministratori, i funzionari dorici hanno visitato anche l'edificio comunale strutturato secondo criteri di elevata efficienza e funzionalità e- oltre a scuole e centri giàcitati- luighi tradizionali come il giardino zen con la cerimonia del tè e il Museo del Bambu. L'esperienza in Giappone è proseguita con la visita della antica città di Nara e il viaggio nella capitale, Tokyo, dove si è svolta l'assemblea di tutte le delegazioni partecipanti al programma IUC presso la sede della Commissione europea. Ad ottobre sarà la volta della visita della delegazione giapponese di Ikoma in Italia, occasione preziosa per presentare al meglio la città, i servizi, il tessuto sociale, culturale ed economico al fine di consolidare relazioni e promuovere occasioni di sviluppo.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-08-2018 alle 18:51 sul giornale del 22 agosto 2018 - 720 letture

In questo articolo si parla di economia, ancona, comune di ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aXEW





logoEV