Confcommercio sul Bando Periferie: "Via libera ai fondi"

Massimiliano Polacco 2' di lettura Ancona 28/08/2018 - Confcommercio Marche Centrali sostiene la battaglia contro lo stop ai progetti di rivitalizzazione. Polacco: “Ancona rischia di perdere investimenti per 16 milioni di euro”.

“Via libera ai fondi per la riqualificazione del territorio di Ancona!”. Confcommercio Imprese per l’Italia Marche Centrali parte dal capoluogo marchigiano per sostenere la battaglia contro l’emendamento proposto dalla maggioranza di governo che rischia di far saltare i progetti per riqualificare le periferie di un centinaio circa di città italiane, e tra queste diverse sono marchigiane, in un territorio in cui risiedono milioni di cittadini.

“Sosteniamo con forza – spiega il direttore Confcommercio Marche Centrali prof.Massimiliano Polacco presente anche ieri all’incontro convocato con le categorie dal sindaco di Ancona Valeria Mancinelli –, la battaglia che l’amministrazione comunale di Ancona, sindaco in testa, sta portando avanti contro un atto parlamentare assurdo. Il capoluogo delle Marche rischia di perdere progetti importanti che possono essere delle riqualificazioni fondamentali in ambito sociale ma anche in quello economico creando nuove aree economiche di sviluppo anche per il Terziario. Penso, tra gli interventi a rischio, al complesso industriale ex Birra Dreher alla Palombella, al decoro degli Archi e alle manutenzioni di spazi ed edifici. Si tratta di progetti importanti che Ancona non può perdere e per questo lotteremo affinché questo emendamento sia cancellato dal voto della Camera per ribaltare la deliberazione del Senato in sede di discussione del Milleproroghe”.

“I progetti che riguardano Ancona – continua Polacco –, valgono attorno ai 16 milioni e se andassero persi si rischierebbe un effetto impoverimento delle zone coinvolte che hanno invece un assoluto bisogno di ricevere quei contributi e di essere rivitalizzati. Come Confcommercio abbiamo anche contribuito a promuovere l’idea della riqualificazione dei centri storici e delle aree degradate chiedendo a gran voce fondi regionali che sono stati stanziati grazie ad un bando da noi fortemente voluto. C’è un evidente interesse dunque ed una spinta importante per continuare il recupero e la valorizzazione del territorio: non possiamo permetterci di vedere svanire delle opportunità così importanti per cui ci faremo carico di un impegno che è fondamentale”. Gli investimenti in ballo rappresentano il futuro delle città ed una rigenerazione urbana, pensando ad Ancona, con effetti benefici sull’intero territorio se si considera, ad esempio, la riqualificazione dell’area della Palombella che è anche l’ingresso nord nel capoluogo e quindi un vero e proprio biglietto da visita.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-08-2018 alle 18:10 sul giornale del 29 agosto 2018 - 393 letture

In questo articolo si parla di politica, Confcommercio Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aXQN