Jesi in Rima: ode ai cinghialetti...

1' di lettura Ancona 16/12/2018 - Una divertente poesia di Marinella Cimarelli dopo gli avvistamenti di cinghiali in città dei giorni scorsi.

Pòri cinghialetti
le madri ha partorido,
loro c'ha fame
e questo è 'l risultado!
Siccome è Natale
e semo più bòni,
adesso non te digo
de faje proprio i Doni,
ma almeno la caccia
non je s'ha da fa',
piuttosto diria
de daje da magna'!
Progettamo no' stradello
che parte da ste' zone,
riempimolo de rocchetti
de salcicce bòne,
arivamo in cima
sui boschi e le colline,
segnamo passo passo
tutte le stradine
selvadighe, rustighe,
piene de sterpi,
magari i cinghiali
magna anco' le serpi!
Insediadi nel ruolo
che Madre Natura
j'ha assegnado
come previsto
da ‘Divina Congettura’
penso che s'allontana,
tanto que ce fa'
vicino all'Ipersidis,
mel volede spiega'?
Non fa 'l Presepe
mango l'Albero de Natale,
p'entra' in qualche casa
avria da fa' le scale,
figuradeve, pe' le Feste
damo pure la cera,
sai come sbigiola,
sci' casca pertèra!
Lassa la buga
la cotenna è dura,
la stazza pesante
fòri misura...
Dademe le cibarie,
d'iniziativa mia
me metto i scarpu'
e me li porto via!
Me sento San Francesco
co' le bestiole
me sta' simpadighi,
pare che no' le vòle?
Uno me fissava
dritto nte' l'occhi
j'ho ditto: "Va be',
basta che non me tocchi!"
Cariga i Cristia',
certo a chi digo io
je ce staria be'
quant'è vero dio...
je metto na' salciccia
davanti al porto',
eppo' je urlo:
"Brutto cappiscio'
hi' sbassado la cresta?"
L'ho con chi passa avanti
a le Poste, dai Fornaro
e po' co' tutti quanti
quelli sfacciadi,
senza l’uguali
tremade tremade,
è rivadi in CINGHIALI!!!






Questo è un articolo pubblicato il 16-12-2018 alle 19:21 sul giornale del 17 dicembre 2018 - 2841 letture

In questo articolo si parla di cultura, jesi, cinghiali, articolo, jesi in rima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a2wq

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima





logoEV