Jesi in Rima: "L'annimali e l'ommini", nuova poesia di Marinella

Marinella Cimarelli 1' di lettura Ancona 16/02/2019 - Nuovo appuntamento con la rubrica Jesi in Rima. Buona lettura!

Quanto piacea a Trilussa l'animali

'l porco 'l topo 'l gallo e pure 'l grillo.

Per lu' era tutti esseri speciali

la satira era peggio de no' spillo!

Ogni confronto giusto ce calzava,

el topo furbo no' lo chiappa 'l gatto,

la pegora al leone se 'nchinava,

somaro è quello che c'armane sotto.

Lo Re de la foresta è quel tiranno

ch'è bòno solo a aumenta' le tasse

se 'l popolo urla: "Ammo' te scanno"

prepara 'n bel discorso pe' le masse:

“Udite udite e quanno sede al Seggio

'rcordadeve ndo' mette la crocetta

siccome non c'è mai la fine al peggio

'rpassadeve a memoria la scaletta.

Primo: se ‘ggiusterà li marciapiedi

Secondo: aumentera' le luminarie

Terzo: tante banche pe’ sta’ a sede

Quarto: al Teatro solo belle Arie...”

Mormora 'l popolino sospettoso:

Chissa' se sarà vero, ce credemo?

Siccome non è tanto fiducioso

sta' zitto e pensa: "E que je paro scemo?"






Questo è un articolo pubblicato il 16-02-2019 alle 15:38 sul giornale del 18 febbraio 2019 - 1627 letture

In questo articolo si parla di cultura, poesie, articolo, marinella cimarelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a4mm

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima





logoEV