Minaccia di buttarsi da un'altezza di venti metri, salvato in extremis

carabinieri infermieri Ancona 22/03/2019 - Faceva sul serio. Sui è seduto sul muraglione ed era intenzionato a buttarsi di sotto. L’intervento dei carabinieri e del 118 ha scongiurato il peggio.

Paura ieri pomeriggio in via XXIX Settembre, dove un ragazzo di trent’anni ha minacciato di suicidarsi, lanciandosi nel vuoto da un’altezza di circa venti metri, nelle vicinanze del Seaport Hotel. L’allarme è stato lanciato da un passante attorno alle 16. Sul posto si sono subito portati i carabinieri e il personale del 118, insieme a un’ambulanza della Croce Rossa.

Riportare alla ragione il ragazzo non è stato semplice, tant’è che i carabinieri hanno dovuto attuare un vero e proprio blitz, afferrando il trentenne da dietro per scaraventarlo a terra, immobilizzarlo e poi consegnarlo alle cure mediche. E’ stato trasportato al pronto soccorso di Torrette per una visita specialistica. Alla base del gesto ci sarebbero problemi personali.


di Matteo Ripanti
   redazione@viverancona.it





Questo è un articolo pubblicato il 22-03-2019 alle 00:45 sul giornale del 23 marzo 2019 - 2730 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, ancona, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a5Cw